Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Dolo. “Pati, gigantesca colata di cemento”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

7

apr

2014

DOLO – Diffuso dai consiglieri d’opposizione capeggiati da Alberto Polo un volantino con tutti i dati

«Grande bugia dicevano di tutelare le aree agricole»

Per “Dolo cuore della Riviera” il Pati predisposto dall’attuale amministrazione è una “grande bugia”. E a chiarirlo è un volantino distribuito in questi giorni: «Il sindaco Gottardo e l’assessore Ballin hanno le idee chiare su quello che dovrà essere Dolo nei prossimi 20 anni. Alcuni esempi? 500mila metri cubi edificabili di cui 200mila nuovi. 220mila metri quadri di terreno agricolo cementificati. Area Nord-Est: sfondamento edificatorio sull’area Serraglio in zona pregiata dal punto di vista urbanistico. Area Sud: espansione edificabile in area agricola, già stralciata nel 2001 dalla Regione per carenza di viabilità. A Est e a Nord del Naviglio del Brenta, in aree agricole di altissimo pregio paesaggistico ed ambientale, si prevedono corpose espansioni urbanistiche. A Sambruson, a sud di via Villa, si prevede l’espansione edificabile a ridosso del tracciato della prevista opera dell’Idrovia. A Veneto City si aggiungono altri 20.000 metri quadrati di capannoni destinati ad attività produttive e commerciali e ulteriori 20.000 metri cubi ad attività ricettive che si sommano ai 2 milioni di metri cubi previsti d’accordo di programma su Veneto City». Dati incontrovertibili per la lista di minoranza. «Tenendo conto che il Pati è pensato assieme al Comune di Fiesso – precisa a nome dei sei consiglieri della lista, Alberto Polo (il consigliere Stefano Uva si è aggregato alla lista dopo la stampa del volantino) – bisogna tenere conto anche dei 400.000 metri cubi di nuova edificabilità e i 150.000 metri cubi del progetto “Città della Moda” previsti a Fiesso D’Artico». Per “Dolo cuore della Riviera” il Pati va fermato: «E dire – ricordano i consiglieri – che nel suo programma elettorale il sindaco Gottardo prometteva ai cittadini dolesi il contenimento del fenomeno della diffusione edilizia in zona agricola, a favore del completamento e integrazione degli insediamenti consolidati esistenti». E chiedono ancora una volta le dimissioni del sindaco.

Gianluigi dal Corso

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui