Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Dolo. “Sauna” in ospedale, ancora disagi.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

30

mag

2014

DOLO – Serviranno settimane per risolvere il guasto, intanto l’Ulss 13 ha acceso i condizionatori

Il sistema di aerazione è collassato: temperatura tropicale e anziani in difficoltà

L’aria non circola, il caldo è a tratti soffocante, il malumore di pazienti e familiari cresce giorno dopo giorno. Da quando si è sollevata la protesta per il guasto al sistema di areazione sono passate ormai tre settimane, ma al reparto di Medicina dell’ospedale di Dolo la questione non è affatto risolta. L’Ulss 13 garantì che i tecnici si erano messi subito al lavoro per riparare il tutto, ma ora la situazione è tornata esattamente punto e capo.
«Come prima, anzi, peggio di prima – sbotta una donna – Le finestre naturalmente restano sempre chiuse, la temperatura è davvero eccessiva e spesso ci sono odori irrespirabili. Non c’è ricircolo, a soffrire sono soprattutto gli anziani». I disagi riguardano una trentina di pazienti, soprattutto nel lato ovest del reparto, e il problema non sembra affatto di semplice risoluzione.
«Confermiamo che c’è stato un immediato sopralluogo dei tecnici e pareva tutto risolto – fa sapere la direzione – in realtà poi abbiamo scoperto che il sistema di areazione è andato completamente in collasso. Non è un semplice guasto tecnico, si è danneggiato proprio il software che gestisce automaticamente le temperature nel reparto». La ditta specializzata è stata subito contattata per una sostituzione tempestiva, intanto che si farà? «Quando la temperatura sarà troppo elevata i tecnici saranno chiamati per intervenire manualmente sul sistema e abbassarla – spiegano sempre dalla direzione generale – Ci scusiamo per i disagi, stiamo facendo il possibile».
Nelle ultime settimane gli infermieri si sono adoperati in ogni modo per alleviare il disagio dei degenti, anche con cubetti di ghiaccio da porre sulla fronte e sulle braccia per chi soffriva troppo il caldo, visto che più di qualcuno aveva anche la febbre. Nei corridoi la situazione è leggermente migliore, il problema è soprattutto nelle camerate. Ad una donna che si lamentava è stato consigliato di portarsi un piccolo ventilatore, alcuni si sono rivolti anche al Centro Tutela Diritti del Malato. Ieri l’Ulss 13 ha deciso anche di azionare in anticipo i condizionatori (di solito attivati solamente nel periodo estivo), ma per risolvere compiutamente il problema potrebbero servire ancora alcune settimane. I pazienti dovranno proprio pazientare.

Gabriele Pipia

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui