Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRANO – Un uomo arrampicato sul grande contenitore della Caritas, alla luce del sole e sotto gli occhi di decine di passanti, per raccattare qualunque tipo di oggetto o indumento utile.
Scene ormai ordinarie a Mirano, dove sempre più persone povere cercano da vestire o da mangiare anche nei cassonetti o tra gli scarti dei supermercati.
Questa foto è stata scattata ieri pomeriggio nel centro di Scaltenigo, alla stessa scena si assiste praticamente ogni giorno anche al contenitore Caritas di via Gramsci a Mirano, all’incrocio con via Kennedy.
Molti arrivano apposta, si arrampicano e provano a racimolare qualunque cosa. La fotografia è stata pubblicata sui social network dal consigliere comunale di “Prima il Veneto” Giampietro Saccon, che ha aperto la polemica: «Vergogna, queste scene una volta si vedevano solo nel degrado delle città e ora invece solo la quotidianità anche nelle nostre piccole frazioni».
Dopo esser stata immortalata nel contenitore Caritas la stessa persona è passata ai cassonetti dell’umido per recuperare qualche avanzo di cibo.

(g.pip.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui