Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

IL NODO – da sciogliere tra i sindaci di Paese e di Treviso riguarda il tracciato della nuova tangenziale: 4 chilometri di veleno

LA SCELTA «Il tracciato non si cambia»

«Manildo non può far ricadere su di noi i problemi del centrosinistra ostaggio di estremisti». È questo, in sintesi, il punto fermo messo da Pietrobon sul prolungamento della tangenziale che Treviso vorrebbe spostare a Paese. «Per ragioni di consenso elettorale – spiega il sindaco della Lega – si fa l’interesse di pochi, penalizzando una soluzione che può dare risposte concrete al territorio».
Ormai sul progetto è scontro aperto. Pietrobon ha già bocciato il passaggio della strada nel proprio territorio e vorrebbe veder subito realizzato il IV lotto pensato attraverso Monigo. Manildo, di contro, punta a spostare tutto più a nord, appunto su Paese, per superare le proteste del comitato e il nodo di via Casette. Con Veneto Strade che, al momento, fa da spettatrice. «C’è un progetto già approvato e pienamente finanziabile – attacca Pietrobon – Cosa fa Treviso? Straccia le carte per ragioni di consenso elettorale presentando in alternativa un piano di fattibilità che, spostando a nord il tracciato, impatta un territorio già gravato da scempi ambientali e disegna la nuova strada facendola passare attraverso aree occupate da attività produttive».
Paese, in linea teorica, non chiude al dialogo. «Ma Treviso manda comunicazioni alla Regione e le fa arrivare qui e a Quinto solo per conoscenza – sottolinea il primo cittadino – per conoscenza informo allora Manildo che non ci stiamo a snaturare i lavori, a perdere altro tempo e soprattutto al rischio di perdere i finanziamenti». In entrambi i casi ci sono in ballo circa 54 milioni per un tratto di strada di quattro chilometri tra la Castellana e la Feltrina. «Il supposto progetto alternativo non è neppure depositato presso Veneto Strade» punge il sindaco di Paese. «Mettiamo sul tavolo le questioni – conclude – ma a Cà Sugana devono capire che con gli altri Comuni si parla in condizioni di parità e con correttezza».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui