Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

VENEZIA . No alle trivellazioni in Adriatico. E’ quanto prevede un progetto di legge statale presentato dai consiglieri regionali Giovanni Furlanetto e Santino Bozza del gruppo Misto e approvato all’unanimità dalla commissione Ambiente, presieduta da Nicola Finco (Lega Nord). L’unico articolo della proposta prevede il divieto, nella acque del Mare Adriatico prospicente le regioni italiane, della esplorazione, ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi, prevedendo in via transitoria l’applicabilità del divieto anche ai procedimenti in corso non ancora conclusi e facendo salvi, fino ad esaurimento dei relativi giacimenti, i permessi, le autorizzazioni e le concessioni.

«A parte l’inevitabile inquinamento del mare e delle nostre coste, con il conseguente danno per la nostra maggiore risorsa, il turismo» ha sottolineato Bozza nel presentare il provvedimento «quello che è più grave è il rischio di fenomeni di subsidenza lungo le coste non solo venete, ma romagnole, delle Marche e dell’Abruzzo. Tutti noi siamo consapevoli che i costi che andremmo a pagare sarebbero enormemente più grandi dei benefici».

Daniele Ferrazza

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui