Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MARTELLAGO. «Tutte le osservazioni al progetto del casello Cappella-Martellago del Passante sono state ignorate. Inoltre non è stato considerato che la nuova opera si poteva anche non fare, migliorando la viabilità d’accesso alle porte già disponibili come Mirano/Spinea». Questa la replica del comitati Pro complanare di Martellago al botta e risposta dei giorni scorsi tra il consigliare veneto della Federazione della Sinistra Pietrangelo Pettenò e l’assessore regionale alla Mobilità Renato Chisso.        Quest’ultimo aveva replicato come tutti gli enti, in conferenza dei servizi, avessero dato il loro via libera al casello, a cavallo del fiume Dese, che sarà integrato dalla viabilità complementare e saranno garantiti gli interventi di messa in sicurezza del territorio. Inoltre, sempre secondo Chisso, per costruire un unico piazzale per il pagamento, si dovrebbe realizzare un manufatto, solo per la viabilità ordinaria, per attraversare il Passante, con una spesa maggiore.          Ma il comitato, che ha sempre chiesto di avere un casello “più magro”, non ci sta. «Già nel 2005» spiega Renato Anoè «la Soprintendenza segnalava come il casello potesse essere spostato più a nord con dimensioni più contenute e uno studio commissionato dal Comune di Martellago dimostrava la convenienza economica e ambientale della soluzione del casello unico con il sottopasso sotto l’autostrada».  

Alessandro Ragazzo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui