Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Traffico di rifiuti, sette a processo

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

ott

2012

Dolo. Sentito l’ultimo investigatore, udienza rinviata al febbraio 2013

DOLO. Quantità di rifiuti fittiziamente sommate e sottratte, emissione di fatture falsificate, lo stesso veicolo che circolava contemporaneamente in luoghi distanti centinaia di chilometri, giri di bolla ossia un veicolo fermo che però figurava circolare. Sono questi, secondo le indagini svolte dagli investigatori del Corpo forestale dello Stato, comandati dal vice ispettore Flavio Culiat, le basi dell’inchiesta del sostituto procurare Giorgio Gava, secondo cui gli imputati Loris Candian (46 anni di Noventa Padovana), titolare della “Cal”, Sandro Rossato (58, padovano), titolare della “Rossato”, Michele Bernardi (44, Mirano) e Roberto Scantamburlo (45, Martellago), dirigenti della “Rossato”, Tiziano e Nicola Lando (rispettivamente 61 e 35 anni, Campolongo Maggiore) titolari della “Ecolando” ed Enrico Rossato (36 anni, Fossò), riuscivano a riciclare tonnellate di materiale tossico e pericoloso. Nel processo la Provincia di Venezia e il Comune di Sant’Angelo si sono costituiti parte civile con gli avvocati Elio Zaffalon e Luca Partesotti.

Il traffico di rifiuti pericolosi risale a sette anni fa, quando tre degli indagati erano finiti in manette. Secondo l’accusa, gli imputati invece di eliminare nei regolari impianti le vecchie traversine della ferrovia, impregnate di una sostanza altamente cancerogena, il creosoto, riutilizzavano l’ingente quantità di legno per palizzate da giardino e mobilio finiti nelle case e nei giardini di mezza Italia. Il giudice monocratico del Tribunale penale di Dolo, Nicoletta Stefanutti, dopo aver ascoltato la testimonianza del vice ispettore Culiat ha disposto il rinvio del processo al 4 febbraio 2013 autorizzando le difese, gli avvocati Stefano Marrone, difensore di Candian e dei due Lando, Federica Santinon difensore di Bernardi e Giovanni Vasoin difensore dei Rossato, a procedere alla consultazione del materiale sequestrato.

Davide Massaro

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui