Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO. «Chiediamo la convocazione straordinaria della Conferenza dei sindaci perché sia parte attiva della programmazione sanitaria dell’Asl 13 e perché vigili sull’arrivo dei fondi promessi nelle schede ospedaliere». A dirlo è Francesco Sacco, medico di base e membro del comitato “Marcato”, che lancia un appello a difesa dei servizi e delle strutture dell’ospedale di Dolo.

«Dolo non potrà mai diventare solo un ospedale internistico di lunga degenza, tutti devo intervenire per rimanga ospedale per acuti a tutela dell’operosità del personale medico e paramedico e degli utenti che non meritano di essere trattati in questo modo. Dolo deve rimanere un punto di riferimento anche per i medici di medicina generale che operano nel territorio».

Sacco parla poi dell’Asl 13.

«Da 17 anni la nostra Asl è stata sottofinanziata rispetto ad altre, sia per la spesa corrente che per la quota capitale. Nonostante questo è un’Asl virtuosa e ha già un numero di posti letto e di ricoveri in sintonia con quanto dice il piano».

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui