Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO «L’ospedale di Dolo va salvaguardato e potenziato. Per questo lancio la proposta di istituire un tavolo di confronto tra le parti sociali e i sindaci della Riviera. Il mio è un appello che rivolgo a tutte le forze politiche per salvare la Sanità in Riviera, uno dei gioielli del nostro territorio». A dirlo è Giovanni Conte, segretario Cisl della Riviera del Brenta, che interviene in prima persona sottolineando la necessità di unirsi tutti assieme per evitare il depauperamento delle strutture e dei servizi ospedalieri di Dolo. «In questi anni abbiamo assistito al trasferimento di molti servizi a Mirano, oltre alla partenza di specialisti e medici in grande valore. Questo è un fatto sotto gli occhi di tutti e non si può negare». Per Giovanni Conte non c’è tempo da perdere e bisogna muoversi prima dell’approvazione delle schede ospedaliere. «Noi siamo disponibili al confronto con tutti i sindaci, partiti politici e forze sociali, oltre che a supportare ogni iniziativa per salvare l’ospedale prima che sia troppo tardi. La prossima azione che vogliamo realizzare è volta alla salvaguardia del Tribunale di Dolo». Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui