Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Altri tagli all’Asl 13? Ora basta”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

6

nov

2012

Dolo. Comitato Marcato e sindaco Gottardo: l’ospedale non si tocca

DOLO. Proseguono le azioni in difesa dell’ospedale di Dolo e dell’Asl 13. A mobilitarsi ancora una volta sono Antonino Carbone, Francesco Sacco, Giovanni Urso, Gino Bedin e Walter Mescalchin del comitato “Bruno Marcato per la salvaguardia dell’ospedale di Dolo”, che hanno anticipato di voler inviare una lettera aperta all’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto. Il tema riguarda i trasferimenti procapite e i progetti per la sistemazione dell’ospedale di Dolo.

«Chiediamo all’assessore regionale Coletto che i cittadini dell’Asl 13 vengano trattati nelle stesso modo dei cittadini di altre Asl perché abbiamo gli stessi diritti e la sanità pubblica deve essere uguale per tutti». I membri del comitato analizzano le cose da sistemare. «I distretti sociosanitari vengono fatti a carico dei Comuni e gli investimenti sulle strutture ospedaliere, come il Pronto soccorso di Dolo, sono a carico del bilancio delle stesse Asl. Ed ora dopo aver ridotto le spese sulle attrezzature e nei servizi, viene chiesto di diminuire ancora del 5 per cento». Viene preteso un intervento ai sindaci del territorio. «Le forze politiche e le istituzioni del territorio non possono più tacere. Si tratta di difendere la salute dei cittadini che è un diritto fondamentale».

Di ospedale si è discusso anche nel Consiglio comunale di Dolo della scorsa settimana nel quale il sindaco Maddalena Gottardo, in risposta ad un’interrogazione di Giorgio Gei sul futuro delle strutture dell’Asl 13, ha confermato che il patrimonio storico dell’ospedale di Dolo non si tocca e che il Comune, «si opporrà in tutti i modi alla dismissione del patrimonio storico dell’ospedale di Dolo per scopi non compatibili con le finalità pubbliche per le quali è stato costituito a spese e con i sacrifici della comunità».

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui