Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mestre, Centro assediato dalle auto

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

30

dic

2012

Ogni mattina entrano 11mila veicoli all’ora, nell’80% dei casi con un solo passeggero

Le code per entrare a Mestre o Venezia non sono una novità. Non succede tutti i giorni, ma quando accade, ecco a dire «ma che traffico che c’è», cercando poi una valida spiegazione: un incidente, dei lavori in corso, uno sciopero. La verità potrebbe essere un’altra: la colpa del traffico è che c’è effettivamente tanto traffico.
Un’indagine del Comune di Venezia prova a quantificare il traffico in ingresso e in uscita dal territorio comunale centrale, ossia Venezia, Mestre, Marghera. L’indagine, che si è svolta lo scorso maggio, è stata condotta tramite conteggi manuali e interviste ai conducenti nella fascia oraria di punta 7.30 – 9.30, lungo le principali arterie stradali.
Dai numeri raccolti risulta che entrano in centro più veicoli di quanti ne escano, visto che in ingresso sono stati registrati circa 22mila 377 veicoli (quindi, in media, oltre 11mila veicoli all’ora), mentre in uscita sono stati contati meno di 15mila veicoli nell’arco di due ore. In base ad alcune interviste a campione (più di duemila) si è visto che chi va verso il centro proviene quasi sempre (il 70,4%) dai Comuni che fanno cintura attorno a quello di Venezia, quindi Marcon, Spinea, Mira e Mogliano, oltre che da altre zone periferiche interne allo stesso Comune di Venezia, quindi Malcontenta, Dese e Trivignano. Anche nelle ore di punta «entrano» nel territorio comunale 1148 mezzi pesanti, tra autocarri e autotreni-autoarticolati, 1100 furgoncini e 1113 cicli e motocicli, mentre le auto contate sono state 18.749.
Si continua a viaggiare uno per macchina (80% degli intervistati) e sembra quindi che a nulla siano valse le campagne di sensibilizzazione sugli spostamenti comuni – l’organizzarsi in più persone per lo stesso viaggio – e nemmeno il continuo aumento del costo dei carburanti. Nessuna sorpresa, poi, per quanto riguardo le motivazioni di chi si muove verso Venezia, visto che si tratta quasi sempre di scuola, lavoro, affari o motivi familiari.
Cambiano invece i dati sul traffico in alcune importanti arterie cittadine mestrine. Via Forte Marghera, viale San Marco e via Vespucci hanno subito un notevole abbassamento del traffico. In 10 anni, dal 2002 al 2012, sono spariti dalla strada circa mille veicoli. Sommando entrambe le direzioni (entrata-uscita) si è passati dagli oltre 3000 veicoli/h del 2002, ai 2000 veicoli/h del 2012. Merito anche dei lavori fatti su via Martiri della Libertà, che hanno di fatto dato via ad una circolazione veloce parallela.
Rimane poi una curiosità. Ai guidatori intervistati è stato chiesto dove avrebbero parcheggiato il veicolo in caso di sosta. Solo il 20% ha risposto indicando parcheggi a pagamento o strisce blu. Dove metterà la macchina il restante 80%?

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui