Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

«Addio all’ospedale di Dolo». Il comitato Bruno Marcato non usa mezzi termini per definire il senso di quanto accadrà a breve per l’ospedale dolese.

«Siamo venuti a conoscenza per puro caso delle nuove schede ospedaliere tenute nascoste per mesi – affermano i rappresentanti del comitato – ed abbiamo verificato che contengono e descrivono quanto noi temevamo, anzi sono andati oltre a quanto potevamo immaginare. Come avevamo da tempo temuto, il nostro ospedale ha finito la storia di ospedale per acuti e diventerà un ospedale di area medica e riabilitativa».

Il Comitato va poi giù pesante.

«Di questo risultato dobbiamo ringraziare i politici della nostra zona, nessuno escluso, ma prima di tutti quelli della Lega Nord e del Pdl che governano la Regione Veneto e chi ha gestito la sanità nella nostra ASL fino ad ora e che ha reso possibile quanto i politici avevano programmato e pianificato scientificamente. Dobbiamo ringraziare anche i sindaci ed i presidenti della conferenza dei sindaci che in più occasioni ci hanno accusato di falsi allarmismi e di essere campanilisti. Dobbiamo ringraziarli anche a nome dei cittadini della Riviera del Brenta che li hanno votati».

In sintesi, poi, il comitato precisa quali saranno le competenze del nosocomio.

«L’ospedale di Dolo è stato declassato a presidio riabilitativo e medico per cui la Riviera del Brenta diventa un appendice periferica dell’ASL 13 che è già stata interamente collocata a Mirano dove viene pagato un affitto di 600.000 euro annui mentre a Dolo vi sono spazi ed uffici vuoti ed abbandonati».

(L.Per.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui