Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Tav, Zaia spieghi quali progetti vuole”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

20

apr

2013

 

san donà. pigozzo (pd)

Tav Venezia-Trieste: dopo l’accordo Regione-Ferrovie che rilancia il progetto, il Pd chiede l’audizione del governatore Zaia davanti alla commissione trasporti. La richiesta è stata formulata, insieme ad altri consiglieri, dal vicepresidente della commissione Bruno Pigozzo.

«Come può Zaia sottoscrivere il protocollo d’intesa tra Veneto e Ferrovie, dove è scritto che rinnova l’impegno a considerare prioritario il completamento dell’asse ferroviario interessato dal Corridoio 5, se a dieci mesi dal mandato ricevuto dal Consiglio regionale non ha ancora prodotto alcun atto amministrativo che dica no al tracciato basso?»

chiede Pigozzo. Il consigliere regionale democratico ricorda i contenuti della mozione approvata a larga maggioranza lo scorso giugno, in cui si impegnava Zaia a esprimere la contrarietà al tracciato basso nelle sedi nazionali, impegnandosi nel frattempo a trovare le risorse con Ferrovie e governo per il potenziamento della linea attuale. Il documento inoltre indicava il corridoio infrastrutturale di ferrovia e autostrada come sede più idonea per ospitare un eventuale futuro quadruplicamento, invitando il commissario Mainardi ad avviare il confronto con gli enti locali.

«Perché Zaia deve ancora rispondere a distanza di così tanto tempo?», conclude Pigozzo, «perché non fa proprie le conclusioni del rapporto inviatogli a settembre dal commissario Mainardi, che confermano quanto approvato dalla mozione del Consiglio regionale? Perché continua ad assecondare la miopia politica dell’assessore Chisso? D’accordo con i colleghi consiglieri, abbiamo chiesto la presenza di Zaia in commissione trasporti per avere finalmente una risposta chiara».

(g.mon.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui