Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Tribuna di Treviso – Ponzano, guerra alla Pedemontana

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

10

mag

2013

PONZANO – Il Comune di Ponzano e Veneto Strade sono ormai vicini allo scontro. Sul piatto la viabilità complementare alla Pedemontana. «Se la società non verrà incontro alle nostre richieste, siamo pronti a fare ricorso al Tar», è la minaccia, non troppo velata, dell’assessore all’urbanistica del Comune di Ponzano Pierluigi Visentin. Nei prossimi giorni ci sarà un nuovo incontro tra le parti, ma le premesse non sono per nulla buone. Per il Comune di Ponzano i problemi sono rappresentati dal casello di Povegliano della superstrada e dalla bretella che lo collegherebbe a via Camalò, pochi metri più a nord della Postumia Romana. Il pericolo, insomma, è che tutto il traffico del casello si riversi sul centro di Ponzano, via Roma in primis. «È inevitabile che ciò accada se non si interviene in modo adeguata sulla viabilità», prosegue Visentin, «il punto è che nel progetto della Pedemontana non è prevista alcuna viabilità complementare per salvare Ponzano. Il casello di Povegliano è stato calato dal Cipe. La bretella su via Camalò è stata indicata senza alcuno studio di impatto ambientale, e senza alcuna analisi sui flussi di traffico». Ed è proprio contro la bretella che il Comune di Ponzano è pronto a presentare un ricorso al Tar. Attualmente c’è solo un ipotesi in campo per salvaguardare il centro del Comune, e si tratta di un’ulteriore bretella che da via Camalò prosegua fino a Paese, in corrispondenza della variante della Postumia. «Ma non c’è ancora alcun finanziamento», fa presente l’assessore Visentin; e il Comune non puà certo aver le risorse necessarie ad un tale intervento. I segnali dunque sono tutt’altro che incoraggianti e le preoccupazioni dei cittadini che hanno portato alla formazione di un comitato prendono ancora più vigore. La palla passa a questo punto a Veneto Strade.

(f.cip.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui