Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

ASOLO. Una raccolta firme per fermare il nuovo piano di assetto del territorio (Pat) presentato nelle scorse settimane dalla giunta Baldisser. Promotrice dell’ iniziativa è la presidente di Italia Nostra, Renata Giordani che nei giorni scorsi ha inviato una lettera al sindaco Baldisser opponendosi al la colata di cemento. La missiva è stata mandata anche al presidente della Regione, Luca Zaia, al presidente della Provincia, Leonardo Muraro e al ministro dei beni culturali Massimo Bray.

«Asolo è una perla dobbiamo salvarla da questo scempio», sottolinea la presidente, «per l’amore e il rispetto che dobbiamo a questa città, una tra le più belle d’Italia, conosciuta e ammirata dal mondo intero».

La scelta della giunta Baldisser di adottare il nuovo Pat è da settimane oggetto di contestazione. Il piano prevede una nuova area industriale con la costruzione di nuovi capannoni, villette o enormi condomini.

È arrivata a quota 1.085 firme la petizione on line lanciata in difesa della città dei cento orizzonti dal gruppo consiliare di minoranza Insieme per Asolo.

Vera Manolli

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui