Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nessun rappresentante della giunta alla commissione provinciale

ASOLO. Il nuovo piano di assetto del territorio (pat) approda in Provincia. Martedì sera è stato discusso nella commissione urbanistica richiesta dal gruppo consiliare provinciale del Partito democratico. Erano stati invitati i progettisti e l’assessore all’urbanistica Federico Dussin. I progettisti Francesco Finotto e Leopoldo Saccon c’erano, Dussin no. «Siamo rimasti stupiti», dichiara Franco Zanata, il capogruppo del Pd in consiglio provinciale, «Ci aspettavamo almeno un rappresentante dell’amministrazione comunale. Invece il pat è stato difeso solo dai tecnici». Le intenzioni della giunta Baldisser sono chiare considerato che nel nuovo piano di assetto del territorio sono stati previsti 350 mila metri cubi di cementi: capannoni, condomini oppure una lunga serie di villette a schiera. Una colata di cemento rischia di oscurare la città dei cento orizzonti. «Non è questo il modo di valorizzare il territorio», sottolinea Zanata, «C’è già un’area industriale: perché non sfruttarla? Che senso ha costruirne una nuova? Ci vorrebbero delle soluzioni logistiche che siano di meno impatto». E intanto i tecnici mettono le mani avanti e in assenza del vicesindaco Dussin si sono trovati a difendere il nuovo piano di assetto del territorio. Si sono giustificati dicendo che non c’è alcuna certezza che possano essere costruiti tutti i capannoni e i nuovi edifici. Dal capogruppo in Provincia di Sel Luigi Amendola è arrivata la proposta di una riunione congiunta con le due commissioni urbanistiche: quella provinciale e quella del Comune di Asolo.

Vera Manolli

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui