Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Mose: “La Fip non ha nulla da temere”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

5

giu

2013

Guerra legale sulle cerniere: «Mai commissionata alla General Fluidi la progettazione dei 178 gruppi»

PADOVA – Guerra legale per la progettazione delle cerniere che legano i cassoni e le paratie del Mose ai fondali delle quattro bocche di porto della laguna di Venezia: la Fip Industriale «non ha nulla da temere e attende con serenità il giudizio del tribunale civile di Padova. La General Fluidi ha ricevuto il giusto compenso pattuito per la commessa e ogni altra richiesta non è ammissibile». A parlare sono gli avvocati Giovanni Scudier e Lucia Casella, in qualità di difensori di Fip Industriale di Selvazzano nella controversia promossa da General Fluidi avanti la sezione civile del tribunale padovano: il nostro giornale, ieri, ha anticipato la querelle, promossa dalla General Fluidi che ha chiesto un risarcimento danni di 600 mila. Il motivo? «La Fip industriale si è assunta indebitamente la paternità dei progetti oleodinamici con disegni tecnici, prototipo e risultati dei test di collaudo, realizzati da General Fluidi per il progetto del Mose di Venezia: tutto questo si configura come un’ipotesi di concorrenza parassitaria e quindi sleale», sostiene l’avvocato Biagio Pignatelli che tutela la General. Immediata la replica, affidata allo studio Casella-Scudier. «La società Fip Industriale Spa contesta integralmente la ricostruzione dei fatti e le pretese di General Fluidi srl; lo ha già fatto direttamente nei confronti della società interessata e lo farà naturalmente anche nella unica sede competente a discutere e decidere della vicenda, vale a dire il tribunale civile di Padova. General Fluidi ha instaurato un giudizio civile ed è in quella sede che Fip Industriale dimostrerà la totale infondatezza ed inconsistenza delle tesi di General Fluidi. Quel che è certo è che Fip Industriale non ha mai commissionato a General Fluidi né la progettazione, né la realizzazione di un sistema oleodinamico per i 178 gruppi di connettori di aggancio; tantomeno si è appropriata di alcunché, non essendoci del resto nulla di cui appropriarsi. General Fluidi ha collaborato con Fip Industriale per un periodo limitato quale fornitore di alcuni componenti e materiali, dopodichè Fip Industriale ha scelto di avvalersi di altri fornitori: questo è tutto. I tentativi di trarre profitto lamentando inesistenti danni verranno contestati e respinti nella competente sede processuale, così come verrà dimostrata l’infondatezza e la temerarietà delle accuse di concorrenza parassitaria, per le quali Fip Industriale adotterà ogni iniziativa a tutela del proprio buon nome e della propria immagine», affermano gli avvocati Lucia Casella e Giovanni Scudier. La causa civile è iscritta a ruolo e gli atti di citazione già notificati: a luglio ci sarà la prima udienza, ma i tempi per dirimere la controversia rischiano di essere più lunghi di quelli di realizzazione del Mose: entro il 2015 le dighe mobili dovrebbero entrare in funzione.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui