Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Redi (Cvn) ottimista: «Bicchiere mezzo pieno, arriveranno»

Opere eseguite al 69%, prove sulle prime quattro paratoie

«A vedere il biglietto mezzo pieno si rischiava – rispetto alle notizie ufficiose dei giorni scorsi – di avere 200 milioni in meno di euro rispetto alle esigenze e invece sono 120. A vederlo mezzo vuoto, invece, potremmo avere difficoltà non a breve periodo – perché i fondi per pagare i lavori da qui alla fine dell’anno li abbiamo – o a lungo periodo – perché siamo certi che questi 120 che mancano oggi all’appello saranno ripristinati – ma qualche problema ci sarà a medio termine, tra 7-8 mesi, quando finiti i fondi in cassa dovremo ricorrere alle banche per i finanziamenti intermedi». Così il direttore del ConsorzioVenezia Nuova Hermes Redi commenta la delibera con la quale ieri il Cipe ha assegnato 973 milioni di euro – derivanti dalla legge di stabilità per il 2013 – per la prosecuzione del «Sistema Mose» per la salvaguardia della laguna e della città di Venezia, prendendo atto della stipula del 43° atto attuativo della Convenzione Generale del 1991 tra il Magistrato alle Acque ed il Consorzio Venezia Nuova, che sta realizzando l’opera. Stanziati, dunque, 973 milioni: ma la finanziaria 2013 ne aveva messi a bilancio 1094, necessari per completare l’opera, oggi al 69%, con un taglio del nastro ora in programma per il 2016. I fondi tagliati sono andati al alimentare la copertura del taglio dell’Imu sulla prima casa per il 2013: gli annunci ufficiali della prima ora, davano il taglio (slittamento) di 200 milioni di euro, 100 nell’esercizio 2014 e altrettanti nel 2015. «Siamo certi che i fondi mancanti saranno ripristinati con la prossima finanziaria», manifesta ottimismo Redi. Al momento, sono state posate le prime quattro paratoie sul fondale di Treporti, agganciate alle cerniere sui fondali e si sta testando la loro movimentazione, prima di procedere con la posa di tutte le barriere: nei prossimi tre mesi si concluderà la fase della sperimentazione «in bianco». In autunno prenderà il via anche la posa dei grandi cassoni nella bocca di porto di Malamocco. Poi si andrà avanti con Chioggia e con le paratoie alla bocca di porto del Lido.

Roberta De Rossi

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui