Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Il Porto sarà al centro di un dibattito organizzato per sabato all’Istituto veneto di Scienze, lettere e arti a partire dalle 10.

Interverranno Gherardo Ortalli, Andrea Rinaldo, Paolo Costa, Luigi D’Alpaos, Ignazio Musu e Giuseppe Tattara. Si tratta del primo incontro di un ciclo che l’Istituto intende dedicare ai problemi della laguna e di Venezia.

Nell’incontro di sabato, saranno trattati la morfologia e l’evoluzione della laguna, lo sviluppo del porto, l’impatto della navigabilità sulla laguna e il rapporto tra economia turismo e sostenibilità.

 

Multe da 2mila euro per il “bagno” dei No Navi nel canale della Giudecca

Sono 4 finora quelle già arrivate a destinazione, ma saliranno in totale a 33 le multe per gli attivisti del comitato “No Grandi Navi” che il 21 settembre si tuffarono nel canale della Giudecca per opporsi al passaggio delle crociere.

«A me non è ancora arrivata, so che 4 dei nostri le hanno già ricevute – dice Tommaso Cacciari, uno dei rappresentanti del comitato – Aspettiamo che le consegnino tutte e poi con il nostro avvocato faremo ricorso».

L’importo delle sanzioni per il divieto di balneazione è salato: 2071 euro a testa. Teoricamente saranno recapitate a tutte le 33 persone identificate dalla Digos il giorno del blitz.

Intanto, da Key West, l’isola che segna l’estremo sud degli Usa, la popolazione locale è riuscita a prevalere (con un referendum stravinto) sull’amministrazione locale e sulle compagnie di crociera, che volevano realizzare nuove banchine e scavare canali. Ora è la Florida a mobilitarsi per Venezia:

«Se una piccola isola come la nostra è riuscita a farsi rispettare – hanno scritto Eliot Baron e Jolly Benson, dirigenti del Comitato “No grandi navi” di Key West – anche l’isola più famosa del mondo ce la può fare a vincere la battaglia contro la prepotenza».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui