Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

 

Aperto per cambiare alcuni giunti rotti sulla carreggiata per Trieste: coda di sette chilometri e ripercussioni in tutta la città

Come quando non c’era il Passante. Ingorgo lungo la tangenziale di Mestre ieri, in particolare nel pomeriggio, in direzione Trieste, per un cantiere aperto d’urgenza da Autovie Venete, la società autostradale competente in quel tratto, sul ponte sul Dese.

I tecnici, come spiega la stessa società, sono dovuti intervenire d’urgenza per la riparazione e la sostituzione di alcuni giunti saltati, probabilmente a causa della pioggia dei giorni scorsi. Dopo aver fatto un sopralluogo, i tecnici hanno deciso di allestire d’urgenza il cantiere, per la riparazione, chiudendo al traffico due corsie poco prima delle 14, quella di marcia e quella lenta. Forti rallentamenti al traffico, con code che nel pomeriggio, a partire dalle 15 circa, hanno raggiunto i sette chilometri di coda, con ripercussioni su tutto l’asse viario e gli accessi alla tangenziale di Marghera, via Miranese e via Castellana. In scooter c’è chi ci ha messo mezz’ora per andare dall’uscita Miranese a quella del Terraglio, altri automobilisti raccontano di averci messo anche un’ora per attraversare Mestre. Disagi e rallentamenti anche sulle strade urbane, sui quali molti automobilisti si sono riversati cercando, senza successo, una via di fuga.

Rallentamenti sulle vie Miranese – con ripercussioni fino a via Piave e via Circonvallazione – Castellana e Terraglio. Il cantiere per la riparazione dei giunti è stato smantellato verso le 18.30, anche se ci è voluto un po’ di tempo perché la viabilità ritornasse normale.

Spiazzata anche la polizia stradale che si è trovata a gestire l’improvvisa emergenza, in un periodo in cui di cantieri aperti lungo l’A4 ce ne sono già molti. A causa di lavori di adeguamento della viabilità dello svincolo del casello di San Donà è chiusa da ieri la rampa in entrata – in direzione Trieste – del casello di San Donà di Piave, fino alle 6 di venerdì 18. In questo arco di tempo, i veicoli che volessero entrare in A4 in direzione Trieste, potranno farlo dal casello di Meolo-Roncade oppure da quello di Cessalto. La chiusura, che segue di due settimane quella della rampa in uscita per i veicoli provenienti da Venezia e diretti verso Trieste, consentirà una serie di lavori fra i quali la posa di barriere di sicurezza, l’ installazione di illuminazione e dei dispositivi antinebbia, interventi di asfaltatura, di ripasso della segnaletica orizzontale e installazione di quella verticale. Nei giorni scorsi invece sono stati chiusi i cantieri ce erano stati allestiti sul tratto Padova-Venezia dell’A4, sempre in direzione Trieste.

Francesco Furlan

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui