Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Piano di sviluppo dell’aeroporto: il Pd chiede l’intervento di Orsoni all’Enac Boraso e Centenaro: rispettare la pianificazione urbanistica della città

TESSERA – Il presidente di Save Enrico Marchi sfida tutti ricordando che la «seconda pista del Marco Polo va programmata anche se il tema riguarderà i nostri nipoti». E si ritrova, ancora una volta, sotto il fuoco di fila delle critiche dei partiti di maggioranza e opposizione in Comune di Venezia, contrari alla seconda pista, non prevista dagli strumenti urbanistici comunali, come il Pat.

«Chiederemo al sindaco Orsoni di intervenire viste le gravi affermazioni di Marchi riguardo al ruolo del Comune come freno allo sviluppo. A Marchi ricordo che l’aeroporto non è di Save ma della città di Venezia e le scelte strategiche si fanno assieme», rincara la dose Gabriele Scaramuzza per il Partito Democratico, reduce dallo scontro frontale con il presidente di Save alla Municipalità di Favaro dove è stato presentato il piano di sviluppo aeroportuale. Dopo i volantini, ora il Pd annuncia che della questione seconda pista si occuperà la maggioranza e una interpellanza sarà presentata in consiglio comunale con urgenza.

«Marchi si concentri sugli investimenti più urgenti e stralci tutti gli altri interventi previsti dal 2015. Tanto non è come dice lui: la tecnica non risolve niente», insiste Scaramuzza.

Beppe Caccia (In Comune) parla di «posizione folle e furbesca» di Marchi perché «il Masterplan tanto spesso agitato e la fermata aeroporto della Tav, con il passaggio in tunnel in gronda, servono solo ad allargare il sedime aeroportuale, a dispetto della città, e le priorità sono ben altre, ovvero il business legato a parcheggi e centri congressi».

Caccia invita a «lavorare per stoppare le velleità di Save in sede Enac. La posizione della città deve essere unanimemente ferma su questo punto».

Anche il centro destra è critico. Renato Boraso annuncia un suo piano alternativo e ricorda a Marchi «che qualsiasi soluzione va sempre concertata con la città».

Anche Saverio Centenaro, dagli scranni del Pdl, non si trova d’accordo con la posizione del presidente dell’aeroporto. «Io ho votato contro il Piano di assetto del territorio ma la pianificazione urbanistica attuata dal Comune non può passare certo in secondo piano. E non si può neanche far finta che non esistano problemi per Tessera dove si attendono le promesse opere di mitigazione, che non ancora arrivate».

Simone Venturini, capogruppo dell’Udc, apre ad un possibile dialogo: «Tra il Comune, che si sente espropriato delle proprie scelte in materia urbanistica, e settori strategici come aeroporto e porto da tutelare, è tempo di riaprire la stagione del dialogo e della concertazione per fare gli interessi della città. Serve un accordo sul Quadrante che consenta al Comune di realizzare lo stadio e si spera anche la nuova sede del Casinò».

Mitia Chiarin

 

IL DIBATTITO – Save promette le mitigazioni. Ma il comitato non ci crede

FAVARO – Si è parlato anche di mitigazioni ambientali e compensazioni all’incontro che si è svolto martedì sera a Favaro, alla presenza dello staff della Save al completo e del presidente, Enrico Marchi. Concrete alcune richieste pervenute dai consiglieri: c’è chi, come il consigliere Bulfone Giorgiutti, ha sottolineato l’isolamento della frazione di Ca’ Noghera e la necessità di piste e marciapiedi. Chi, come Angelo Lerede, si è soffermato sulla richiesta di piantumazioni a Tessera e terrapieni a Ca’ Noghera, misure necessarie per attutire l’impatto dell’aerostazione. Marchi si è detto disponibile a discutere i punti, non solo. «Stiamo in questo momento lavorando sullo studio di impatto ambientale e analizzando le mitigazioni da mettere in campo. Non appena avremo finito, organizzeremo un incontro». Il presidente di Save ha, inoltre, spiegato di avere già effettuato un sopralluogo all’asilo della frazione: la società aspetta di sapere dal Comune se è meglio ampliarlo o realizzarne uno nuovo. Nella presentazione del Master Plan ci si è soffermati sui posti di lavoro: oggi gli occupati diretti, indiretti e indotti dello scalo sono 6mila, al 2030 è previsto un aumento addirittura di 20 mila persone, grazie all’incremento di traffico e investimenti.

A contestare la serata i portavoce del comitato contro il rumore aeroportuale, Deborah Onisto e Cesare Rossi: «Marchi ha ribadito ciò che per lui, come imprenditore, è importante: sviluppare all’infinito le attività aeroportuali creando infinita ricchezza per un territorio non meglio precisato (in realtà poca ne rimane a Tessera e dintorni) non preoccupandosi delle conseguenti devastazione ambientale e ricadute sulla salute e sulla vita dei residenti intorno all’aeroporto. Il Masterplan contiene una quantificazione puntuale di tutte le nuove opere e le relative spese dal 2015 al 2030: nulla o quasi nulla sulla tutela ambientale e la tutela della salute».

Proseguono: «Il Piano di sviluppo comprende solo la previsione dell’aumento, fino a 15 milioni entro il 2030, del numero dei passeggeri che notoriamente non fanno rumore, non inquinano l’atmosfera ma non riporta quanti voli sopra i residenti di Tessera, Campalto, Ca’ Noghera, serviranno per trasportarli. Da anni chiediamo di spendere soldi per la riduzione del rumore e di compensazione ambientale e Marchi demagogicamente si offre ora di sostenere le spese per allargare l’asilo di Tessera, ma non perché ci sia una accertata esigenza dei pochi bimbi locali ma per agevolare le dipendenti dell’aeroporto».

Marta Artico

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui