Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Tremila firme per Ostetricia a Mirano.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

24

ott

2013

Oggi il Comitato Salvioli le consegnerà all’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto

MIRANO – Il comitato Carlo Salvioli consegna all’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto (Lega), le firme raccolte per mantenere a Mirano il primariato di Ostetricia-Ginecologia. Tremila le sottoscrizioni raccolte tra i cittadini negli ultimi giorni e che oggi, alle 15, una delegazione del Salvioli porterà direttamente a palazzo Ferro Fini. Obiettivo: chiedere all’assessore rassicurazioni sul reparto Materno-Infantile a Mirano, dopo che la quinta commissione regionale ha confermato la creazione di un solo primariato invece dei due attualmente esistenti tra Dolo e Mirano.

«L’alto numero di firme raccolte, in pochi giorni e solo a Mirano e dintorni», spiega il coordinatore del Salvioli, Aldo Tonolo, «dimostra il grado di sensibilizzazione dei residenti al problema, emerso con il recente voto in commissione».

Tonolo ricorda come: «In base agli indirizzi ministeriali, con i suoi 1.350 parti all’anno e il maggior numero di interventi ginecologici nell’intera Asl 13, il reparto di Ostetricia-Ginecologia di Mirano sia la sede naturale dell’eventuale Maternità unificata. Da anni, ben due diverse direzioni generali si sono pronunciate, con relative delibere, per la realizzazione del terzo monoblocco a Mirano, che sarà destinato a contenere proprio i reparti del settore Materno-Infantile, con la liberazione dell’area del vecchio ospedale».

Per il Salvioli insomma il percorso è già tracciato e non va cambiato. «La Regione ha già stanziato nella Finanziaria 2010 ben 20 milioni di euro per la messa a norma degli ospedali dell’Asl 13, 10 milioni per il “De Carlo” a Mirano e 10 milioni per Dolo. I costi per i lavori necessari sono ovviamente molto più alti: a Mirano si è previsto di integrare i 10 milioni con un leasing immobiliare di durata ventennale e riscatto finale. Ogni anno la rata del leasing sarà di un milione di euro e sarà pagata dall’Asl 13 in autofinanziamento con il risparmio dei canoni d’affitto (650 mila euro per i vecchi padiglioni del Mariutto), dei minori costi di riscaldamento e della mobilità interna».

A Dolo invece i 10 milioni previsti serviranno a mettere a norma le sale operatorie, il Pronto soccorso e il vecchio monoblocco. Basta e avanza, a detta del Salvioli, per prevedere un recupero di entrambi gli ospedali, mantenendo però gli indirizzi e dunque prevedendo a Mirano il nuovo punto nascite dell’Asl 13.

Filippo De Gaspari

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui