Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

campalto. Il m5s vuole chiarezza

CAMPALTO. Il Movimento Cinque Stelle interroga i ministri all’Ambiente e ai Beni Culturali sul by-pass di Campalto. A scrivere un’interrogazione parlamentare a risposta scritta qualche giorno fa, sono stati i consiglieri grillini Cozzolino, D’Incà, Da Villa e Brugnerotto, che hanno chiesto lumi in merito all’opera che dovrebbe sgravare il centro di Campalto dal traffico di attraversamento.

«Il cosiddetto by-pass di Campalto è un anello di strada che sta per essere realizzato nel comune di Venezia, in località Campalto, collegato alla statale 14, direzione Trieste», si legge.

«Lungo poco più di due chilometri, gira intorno ad una parte del centro abitato, a ridosso di abitazioni, interseca aree produttive, in un incrocio con una via urbana trasversale è previsto uno scavo di 11 metri nel sottosuolo, ma sono del tutto ignorate falde acquifere, risorgive del fiume Marzenego, interrato a tratti, e la rete di fossati e canali strettamente collegati con la laguna di Venezia, che mantengono in equilibrio il bacino idrogeologico della gronda lagunare».

E ancora: «Questa infrastruttura sta per essere realizzata senza preventiva Vas, valutazione ambientale strategica, richiesta per opere interne ad un bacino idrogeologico, risulta mancante la Via, valutazione di impatto ambientale e la relazione di salvaguardia ambientale e tutela paesaggistica».

Da qui la richiesta di sapere «quali misure intendano adottare i ministri interrogati al fine di tutelare l’ambiente e il rispetto dei vincoli paesaggistici esistenti in territorio lagunare dalla realizzazione di un’infrastruttura che si presenta potenzialmente pericolosa, di forte impatto ambientale e causa di incremento dell’inquinamento atmosferico, già elevato, data la vicinanza dell’aeroporto».

(m.a.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui