Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

SCORZÈ «Traffico ovunque». È la critica che arriva dalle opposizioni di Scorzè (Pd, Idv e lista civica Pizzolato sindaco) alla giunta, con auto e camion sia sulle strade principali che secondarie.

«Paghiamo le scelte di questi ultimi dieci anni», osserva il capogruppo del Pd Gianna Manente, «e ora le polveri sottili soffocano le scuole, le case, i negozi e gli uffici. C’era la circonvallazione sud di Scorzè, che doveva arrivare al Drizzagno, già fatta e finanziata. Poi è stata bloccata e chissà quando partirà. Si parlava di un collegamento fra l’incrocio della Crosarona fino a via Milano e pure quello è saltato. Solo queste due opere avrebbero liberato dai veicoli il centro di Scorzè. Intanto fra pochi mesi aprirà il casello del Passante».

Per il futuro, la minoranza “vede” problemi proprio per il cuore del capoluogo. «Per i mezzi in arrivo da Robegano» aggiungono «Maurizio Civiero (Pizzolato sindaco) e Gennaro Piscopo (Idv), per chi è diretto in via Treviso passerà ancora per il centro di Scorzè, dalla Castellana la circolazione sarà deviata su via Milano fino a via Volta. Ma poi, mancando della bretella con la Crosarona, via Milano ne pagherà le conseguenze. Finché ci sarà questa situazione, nessuno vorrà investire da noi con ristrutturazioni e nuovi negozi. Il centro di Scorzè è lo stesso di dieci anni fa, con fabbricati vecchi, disabitati e, in alcuni casi fatiscenti».

(a.rag.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui