Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

SAONARA – Entro fine anno si saprà se il Consiglio di Stato accoglierà o respingerà l’istanza della società Terna, che ha chiesto chiarimenti sulla possibilità di riprendere i lavori in tutti i tratti della linea elettrica Dolo-Camin eccezion fatta per il segmento vicino a Villa Sagredo di Vigonovo, per il quale è necessario ripresentare la valutazione d’impatto ambientale.

Della questione si è discusso davanti alla sesta sezione dello stesso Consiglio di Stato, alla presenza dei legali di Comuni, Comitati civici e Regione Veneto; Terna aveva presentato istanza in merito alla sentenza con la quale, il 10 giugno, il Consiglio di Stato aveva annullato l’autorizzazione alla costruzione e all’esercizio dell’elettrodotto aereo.

Terna ha evidenziato la strategicità del progetto della linea elettrica aerea, mentre la Regione ha ribadito la richiesta della prosecuzione dei lavori in Vallone Moranzani, per consentire il deposito dei fanghi da Marghera.

Per le controparti invece è illogico che Terna chieda di considerare annullato il solo tratto di elettrodotto nei pressi di Villa Sagredo, posto che aveva presentato l’intervento come unitario.

Patrizia Rossetti

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui