Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

FOSSÒ – È stato firmato dall’assessore provinciale Paolo Dalla Vecchia, alla presenza del vicesindaco di Fossò, Maurizio Lunardi, il protocollo d’intesa per il piano delle acque del Comune rivierasco.

«È un lavoro che sta già dando i suoi frutti», spiega l’assessore Paolo Dalla Vecchia, «e che vede Comuni come Fossò all’avanguardia nella progettazione e nella realizzazione di opere antiallagamenti. Noi contribuiremo con 48 mila euro, su un totale di 150 mila euro, per l’intervento che prevede il collegamento degli scarichi idraulici tra via Folgarine e la diramazione dello scolo consorziale Galta».

Le informazioni raccolte dal piano delle acque di Fossò, che era stato approvato nel febbraio 2010, hanno segnalato nove zone critiche soggette a rischio di allagamento. Si tratta del centro urbano di Fossò, via Fornaci, la zona centro-meridionale, centro-orientale e nord-occidentale e il centro-occidentale di Fossò; la zona sud-orientale e sud-occidentale di Sandon; la zona meridionale del Comune. Nel piano delle acque sono stati anche proposti interventi per migliorare il deflusso delle acque.

(g.pir.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui