Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mira “Idrovia? Prima va sistemata la rete”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

16

nov

2013

MIRA – Sindaco e assessore replicano agli attacchi: «Da decenni manca la manutenzione»

MIRA – «Con le parole non si ferma l’acqua. Prima di svenarsi in mega-opere, come l’Idrovia, chiedere una riflessione è un dovere, non una colpa».

Il sindaco di Mira Alvise Maniero bolla come “ridicole” le accuse mosse da alcuni sindaci della Riviera – tra cui quelli di Camponogara, Campagna Lupia, Fossò, Stra e Vigonovo e dal prof. Luigi D’Apaos – sulle perplessità espresse da Mira nel completamento dell’Idrovia.

«Contro gli allagamenti servono progetti concreti – replica Maniero – fondati su studi attenti delle criticità e non su sterili slogan. Noi lavoriamo per questo, perché con le parole non si ferma l’acqua. Alla nostra sicurezza idraulica serve una mega-opera larga come tre autostrade – si chiede il sindaco mirese – o dovremmo forse recuperare la manutenzione essenziale, che viene fatta mancare da lustri?».

Maniero spiega che insieme all’assessore all’Urbanistica Luciano Claut nel luglio del 2012 andarono dal prof. D’Alpaos a chiedere indicazioni sulle valenze dell’infrastruttura.

«L’esito dell’incontro – raccontano – fu che le speranze iniziali si tradussero in incertezze. Diverse domande non trovarono risposte certe o efficaci. Mira non è indenne da emergenze idrauliche e da allagamenti e per questo siamo ben sensibili a cercare la miglior soluzione. Ma prima ancora che dal completamento dell’idrovia – dichiarano i due – la sicurezza idraulica deriva da una serie di condizioni oggi ineludibili, prima tra tutte la manutenzione della rete esistente, che da decenni è assente. Non serve essere geni per sapere che per finire l’idrovia ci vorranno, oltre che ingenti capitali, almeno vent’anni. E in questo periodo sarà Mira allora responsabile dei problemi idrogeologici?».

(L.Gia.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui