Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

SAN DONÀ – Come se non bastasse il maltempo, ieri ci hanno pensato guasti e soppressioni a far vivere un venerdì difficile ai pendolari della linea ferroviaria Venezia-Trieste. Un guasto al treno, nel primo pomeriggio, ha causato la cancellazione del Regionale 11035 Venezia-Portogruaro, usato soprattutto dagli studenti di rientro nel Veneto Orientale dopo una giornata trascorsa a scuola o all’università a Venezia.

In mattinata, invece, era stato soppresso il Regionale 5800, il primo collegamento del giorno da Portogruaro a Venezia. Un treno da tempo al centro delle proteste dei lavoratori turnisti per le frequenti soppressioni.

Intanto giovedì sera, al ristorante Al Fogolar di Mussetta, si è svolta la seconda riunione del costituendo Comitato Pendolari del Veneto Orientale. Al centro dell’attenzione dei pendolari c’è s il nuovo orario cadenzato, la cui introduzione, salvo sorprese, è prevista per la metà di dicembre. Un orario che sta suscitando molte proteste, soprattutto per il paventato taglio delle corse tra le 22 e le 6 del mattino, usate dai turnisti.

(g.mon.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui