Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

TRENI – Da metà dicembre il cadenzato: pendolari divisi e studenti preoccupati

VITTORIO VENETO – (l.a.) Il nuovo orario divide i pendolari e preoccupa gli studenti. Il comitato “Il Treno dei desideri”, riunitosi martedì sera, ha esaminato il cadenzato ufficioso che rivoluzionerà il trasporto su rotaia dal 15 dicembre.

«Ci sono ancora possibilità di variazioni sull’ordine del paio di minuti -avverte Enrico Caberlotto, leader del “Treno dei desideri” -ma l’orario è ormai segnato».

Moltissime le novità: nella giornata feriale media ci sarà un collegamento all’ora da Vittorio per Conegliano e per Belluno. Tutti i treni fermeranno a Soffratta. Secondo le anticipazioni del comitato, che sta pensando a un incontro pubblico per illustrarle agli utenti della ferrovia, il treno per Conegliano partirà al minuto “1” di ogni ora, con ” buchi” nella giornata. Nel primo mattino, ad esempio, treni alle 6.01, 7.01, 8.01 e 9.01, quest’ultimo senza coincidenza per Venezia mentre per gli altri si tratterà di attendere poco più di 10 minuti a Conegliano.

I convogli per Ponte nelle Alpi e Belluno partiranno al minuto “2” di ogni ora dopo una sosta in stazione di 5-6 minuti, incrociando quelli in arrivo dalla montagna proprio allo scalo di via Trento e Trieste. La decina di presenti alla riunione di martedì, alla quale erano stati invitati sindaci del comprensorio, ha riflettuto a lungo sulla rivoluzione:

«Non è un orario perfetto -ammette Caberlotto, che con altri pendolari ha partecipato ai tavoli preliminari con Regione e Trenitalia- chi è già pendolare si è dimostrato, non senza motivo, perplesso per i nuovi orari, soprattutto al mattino. Penso a chi è abituato a utilizzare il treno per Venezia delle 6.44 e ora dovrà anticipare la sveglia per prendere quello delle 6.01 o andare alle 7.01 rischiando di fare tardi. E sul treno delle 8.01 temiamo sovraffollamenti. Il cadenzato potrebbe in compenso attrarre nuovi pendolari».

Un pensiero va agli studenti che prendono il treno: oggi arrivano da Conegliano alle 7.45 e ripartono alle 13.14, orari funzionali. E invece «l’impostazione dell’orario cadenzato per gli alunni delle scuole vittoriesi non è ottimale. Al mattino si arriverà da Conegliano alle 6.57 o 7.57» riflette Caberlotto. Il cadenzato potrebbe portare più avanti una novità storica, che per ora è solo un’idea: un sottopassaggio tra 1. e 2. binario con nuovo marciapiede al posto dell’attuale binario 3.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui