Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Tribuna di Treviso – In marcia contro l’inquinamento

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

25

nov

2013

 

Pederobba, Arianova chiama all’appello i cittadini questa sera per dire basta al consumo del territorio

PEDEROBBA. Stop all’inquinamento, AriaNova chiama a raccolta ancora una volta i cittadini. Pederobba con Arianova sarà in prima fila, sabato a Venezia, per la marcia di mobilitazione a difesa dell’ambiente assieme a don Albino Bizzotto (Beati i costruttori di pace) e ad altri 95 comitati veneti.

E stasera, nella sede di via del Cristo a Onigo, si ritroveranno per discutere delle modalità organizzative e di partecipazione alla manifestazione. Una partecipazione che fa seguito a quella tenuta nello scorso febbraio a Pederobba contro i due cogeneratori a biomassa autorizzati dalla Regione Veneto in quel di Pederobba.

Sabato a Venezia Arianova, nella marcia dalla stazione di S. Lucia alla sede della Regione Veneto, porterà come esempio le criticità ambientali presenti a Pederobba e nella Pedemontana.

«Che sono», spiega Daniela Pastega, «un cementificio-coinceneritore autorizzato a bruciare pneumatici (60.000 tonnellate annue), petcoke (60.000 tonnellate annue) e ora anche i rifiuti solidi urbani (rinominati Css – combustibile solido secondario), valori di Ipa (idrocarburi policiclici aromatici – cancerogeni) tra i più alti del Veneto! (quasi due volte il limite di legge), due cogeneratori a biomasse solo a Pederobba e altri previsti nella Pedemontana.

L’approvazione del DM del 6 luglio 2012 ha inserito tra le biomasse “rinnovabili” anche rifiuti, plastica e gomma. Noi di Arianova partecipiamo in quanto riteniamo importante dare un segnale agli amministratori regionali e nazionali della necessità di cambiare rotta».

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui