Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

VENEZIA – Soluzioni ‘green’ per la salvaguardia del patrimonio architettonico lagunare: al via 30 mesi di ricerca su nuovi prodotti chimici compatibili con l’ambiente e sicuri per restauratori e costruttori. Questi nuovi ritrovati serviranno a restaurare, ma anche a prevenire i danni futuri a edifici e opere d’arte di Venezia e altre città italiane.

A studiare e mettere a punto nuovi solventi, collanti e polimeri eco-compatibili, il Centro interdipartimentale Green Chemistry dell’Università Cà Foscari Venezia, tra i partner del progetto appena approvato dal Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca (Miur) nell’ambito del bando «Smart Cities & Communities» e in accordo con la Soprintendenza per i beni artistici e paesaggistici di Venezia e Laguna. (Nella foto restauri a palazzo Contarini del Bovolo).

L’obiettivo del progetto è sintetizzato nel titolo stesso: «Innovazione di prodotto e di processo per una manutenzione, conservazione e restauro sostenibile e programmato del patrimonio culturale».

Oltre a Ca’ Foscari, sono coinvolte alcune aziende, le università della Basilicata, dell’Aquila, e La Sapienza di Roma. Il costo totale del progetto è di 13,2 milioni di euro. Principale banco di prova sarà la pietra d’Istria che caratterizza l’architettura veneziana. Il coordinatore scientifico sarà il professor Pietro Tundo, che lavorerà in team con il vice-coordinatore, professor Andrea Vavasori, e i colleghi Fabio Aricò, Lucio Ronchin e Giuseppe Quartarone.

Da decenni l’Università di Ca’ Foscari è alla guida di un sistema universitari italiano (con collegamenti internazionali) per la ricerca e lo sviluppo della chimica verde. Dice il professor Tundo: «Dovremmo abituarci più in fretta a capire che il futuro della chimica è tale solo se è compatibile con l’ambiente, anzi aiuta a risolvere – come in questo caso con il recupero ambientale – gli stessi problemi dell’ambiente. Venezia è in testa da anni a questo sistema e sta diffondendolo in tutta Italia».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui