Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

FINANZIAMENTI – Fondi europei per i 21 chilometri

INFRASTRUTTURE – Sul tema dell’elettrificazione della tratta la parlamentare Sara Moretto sprona le Regioni Veneto e Friuli

L’ASSESSORE – Luigi Villotta: «Un accordo di programma insieme a Rfi»

AL PALO – Treni sempre più strategici nell’area a cavallo fra Veneto e Friuli

«Sull’elettrificazione della Portogruaro-Casarsa è tempo che le Regioni Veneto e Friuli si attivino». Così l’onorevole portogruarese del Partito Democratico, Sara Moretto, sul progetto, in discussione da anni, relativo all’elettrificazione dei 21 chilometri di linea ferroviaria a binario unico che uniscono Portogruaro a Casarsa. Il tema dell’elettrificazione, definita da più parti strategico per lo sviluppo del territorio a cavallo tra Veneto e Friuli, è riemerso con forza nel corso del convegno sulla logistica svoltosi a Portogruaro nei giorni scorsi.

«Non più di un anno fa – dice Moretto – Rfi ha chiarito che l’elettrificazione della Portogruaro-Casarsa non è una priorità per la società e che pertanto non sarà oggetto di finanziamento. Se lo è però per le due Regioni – prosegue – è tempo di passare dalle intenzioni ai fatti e di attivarsi per inserire questo progetto interregionale all’interno della programmazione 2014-2020 per l’accesso ai Fondi Europei di Sviluppo Regionale. In questo senso invito anche i sindaci dei Comuni interessati dal tracciato a condividere una lettera per incalzare le rispettive Regioni».

Un appello in questo senso è stato lanciato dal vicesindaco e assessore alle Infrastrutture di Portogruaro, Luigi Villotta.

«Durante il convegno sulla logistica – ricorda Villotta – l’assessore veneto Renato Chisso, assieme ai tanti sindaci dell’area presenti, ha rilanciato il bisogno di potenziare la linea ferroviaria Portogruaro-Casarsa per permettere così un altro collegamento dei due assi ferroviari per Trieste e Udine/Tarvisio, oggi sottoutilizzati e quindi maggiormente sfruttabili soprattutto nel trasporto delle merci. Perché non si sottoscrive un accordo di programma tra Veneto, Friuli Venezia Giulia e Rfi? Questi 21 chilometri rappresentano una priorità per l’amministrazione Serracchiani oppure dovranno essere prese in considerazione altre opzioni? I Comuni di Portogruaro, San Vito al Tagliamento e Pordenone sperano davvero di vedere finalmente avviata l’opera».

Teresa Infanti

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui