Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

OSSERVATORIO AMBIENTE

Guardia alta contro le infiltrazioni mafiose. «Schegge di Dark Economy», il terzo quaderno dell’Osservatorio Ambiente e Legalità, promosso da Legambiente Veneto in collaborazione con l’assessorato di Gianfranco Bettin, parte da un punto fermo: l’operatività delle mafie non è più funzionale solo al riciclaggio del denaro e al controllo del territorio e l’intreccio con la politica è sempre più evidente. Il lavoro, attraverso analisi e inchieste su casi concreti condotte da giornalisti ed esperti del settore, si concentra soprattutto sulla logistica, sulle energie rinnovabili e le grandi opere e segue i due primi numeri che si erano concentrati, invece, sui rifiuti e la corruzione.

«La criminalità ambientale – ha detto Bettin – si manifesta con fenomeni di area vasta che godono delle complicità locali e ha bisogno di camuffarsi per mostrarsi esattamente al contrario di ciò che è. Ne emerge uno spaccato inquietante e preoccupante che impone un forte impegno di prevenzione nel campo della cosiddetta antimafia del giorno prima».

La pubblicazione del quaderno, curata da Gianni Belloni e Luigi Lazzari, è stata preceduta da tre incontri a villa Franchin e di quattro lezioni che si sono tenute allo Iuav. Il tema dei rifiuti rimane attuale. Ha spiegato Bettin: «La questione dei grandi impianti di smaltimento è delicata. Capita che nel percorso tra l’azienda che deve gettare un prodotto e la destinazione, vengano contraffatti il codice o le analisi di laboratorio così da ottenere un risparmio di spesa. Il Comune è intervenuto con decisione sulla vicenda Sg31 e sul piano Alles che avrebbero potuto trasformare Marghera in una sorta di pattumiera aperta al mercato, aumentando il rischio di infiltrazioni per la sola importante portata delle strutture».

(a.spe.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui