Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Nuova Romea, oggi la protesta dei trattori

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

17

dic

2013

Manifestazione all’altezza dell’incrocio di Lugo, tra Camponogara e Campagna Lupia

Una trentina di trattori in strada contro la Romea Commerciale. La CIA Venezia scalda – e non solo metaforicamente – i motori con una manifestazione in programma domani dalle ore 9.30 lungo la statale Romea (all’altezza dell’incrocio con Lugo, tra Camponogara e Campagna Lupia).

«È di queste settimane – spiegano i rappresentanti della Confederazione Italiana Agricolori – la notizia dell’approvazione al Cipe della nuova Romea Commerciale. Tale opera correrebbe parzialmente sul percorso di una strada già esistente ma, poco prima di Ravenna, si svilupperebbe in un tracciato del tutto nuovo fino ad incrociare l’autostrada A4. Pur senza entrare nel merito dell’opportunità o meno di tale opera rileviamo che il percorso prescelto andrebbe a costituire per il Veneto un terzo asse nord-sud e consumerebbe centinaia di ettari di suolo, impattando fortemente su una zona agricola e tagliando in due una zona di pregio come la Riviera del Brenta».

Il territorio agricolo verrebbe dunque fortemente penalizzato, almeno secondo la Cia.
«Come CIA Venezia già da tempo orientiamo la nostra azione al risparmio di suolo ed alla salvaguardia delle aree agricole, e preferiamo l’utilizzo ed il potenziamento degli assi viari esistenti (che insistono in zone già impattate) alla costruzione di nuovi. Le soluzioni possono essere molteplici. Non è compito nostro stabilire quale sia la migliore delle scelte, ma continuiamo ad affermare con forza la necessità di tutelare il territorio agricolo ancora intatto».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui