Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Romea commerciale 50 trattori per dire no

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

18

dic

2013

CAMPAGNA LUPIA – Ieri a Lugo la manifestazione della Cia: «Non ci limiteremo ad un sit-in come oggi»

Cinquanta trattori per dire no alla Romea commerciale dal lato della campagna. La sezione di Venezia della confederazione italiana degli agricoltori, Cia, ha organizzato un presidio al ponte di Lugo della Romea per proporre una soluzione alternativa al tracciato ipotizzato dal Ministero. Il percorso prevede la realizzazione della nuova Romea dal lato della campagna e quindi dal lato opposto rispetto alla laguna. In questo modo, però, sostengono gli agricoltori, si andrebbe a penalizzare ancor più un territorio già compromesso dall’attuale statale. La Cia, però, non si limita a far sentire il proprio disappunto al progetto, ma propone anche due soluzioni alternative in grado di risolvere la questione del traffico sulla Romea senza devastare le campagne.

La prima proposta è quella di allargare l’attuale tracciato fino a Mestre, mente la seconda è quella di mantenere la Romea per il traffico leggero, delle automobili, e prevedere il passaggio del traffico pesante sull’autostrada Padova-Bologna con un allargamento di quest’ultimo percorso tramite la terza corsia.

Paolo Quaggio, presidente della Cia Venezia, ha inviato le proposte a tutti i sindaci interessati dal passaggio del nuovo tracciato come ipotizzato dal Ministero. L’intenzione è quella, poi, di coinvolgere tutti i consiglieri regionali.

«Tutti predicano il rispetto del territorio – dice Quaggio – ma poi, a conti fatti, non si traduce in pratica quanto si dice. Oggi abbiamo voluto sensibilizzare l’opinione pubblica. Se non ci saranno risposte concrete non ci limiteremo ad un sit-in. Il nostro interlocutore diretto è la Regione, oggi abbiamo iniziato il percorso dopo che il Cipe ha dato parere favorevole. Da qui a Chioggia incontriamo un terreno fertile che verrebbe deturpato».

Per la presidente di zona della Cia, Mara Longhin, le scelte strategiche vanno sempre ad impattare sul suolo agricolo.

«Siamo a favore della viabilità, ma che non impatti così pesantemente sul territorio. Il nostro è un territorio costituito da piccoli appezzamenti e quindi il passaggio della Romea commerciale andrebbe a distruggere completamente molte piccole imprese locali. La strada, poi, comprometterebbe anche le realtà turistiche della zona», commenta Longhin.

Emanuele Compagno

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui