Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Torna l’allarme polveri sottili.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

dic

2013

SALUTE E ARIA

Valori altissimi l’altra notte, preoccupano i dati delle centraline

Una notte di smog a livelli altissimi. 205 microgrammi di Pm10 alle 2 di notte di ieri, mercoledì, rilevati dalla stazione urbana di via Beccaria a Marghera. 172 microgrammi rilevati alla stessa ora in via Tagliamento, la centralina della Gazzera a ridosso della tangenziale di Mestre e che misura lo smog prodotto dal viadotto. 153 microgrammi invece al parco di Bissuola, con la centralina posta in posizione centrale. Anche Sacca Fisola, a Venezia, se la passa malino sul fronte smog, con otto giorni di sforamenti negli ultimi dieci giorni e una punta di 107 microgrammi misurata l’altro ieri. La bassa pressione, tipica del periodo invernale, e l’assenza di pioggia da giorni fa riesplodere l’emergenza smog anche nel nostro Comune, proprio nei giorni a ridosso di Natale, quando le limitazioni al traffico per le auto non catalizzate sono sospese fino all’Epifania e pure sono sospese in centro a Mestre le zone a traffico limitato. E così rischiamo di tornare ai livelli di sforamenti del 2012 dopo un inizio d’anno che aveva fatto comunque ben sperare per una migliore qualità dell’aria che respiriamo e che aveva prodotto il risultato positivo di alcune centraline con sforamenti di poco superiori al limite di 35 l’anno, fissato dall’Unione Europea. 66 gli sforamenti in via Beccaria, 16 a Spinea, 37 a Sacca Fisola, 47 al Parco Bissuola e 48 in via Tagliamento sono i numeri di giornate con lo smog (Pm10 ovvero le famigerate polveri sottili) sopra i limiti di 40 microgrammi per metro cubo.

La palma di Comune di prima cintura più inquinato spetta a Marcon, con ben dieci giorni consecutivi di sforamenti dei livelli delle polveri sottili. Il picco delle polveri sottili nella notte tra martedì e mercoledì allarma quanti temono gli effetti nocivi dello smog prodotto in particolare dal traffico in un’area densamente trafficata come la terraferma mestrina. Qualche speranza di un miglioramento è atteso a questo punto solo sul fronte meteo. L’Arpav del Veneto segnala la possibilità da domani, venerdì, dell’arrivo di una modesta perturbazione di origine atlantica che transiterà determinando delle deboli precipitazioni sparse. E tornerà la pioggia, utile a dilavare il Pm10. Dal pomeriggio di domani, tempo in miglioramento. Di conseguenza, sarà bene proteggere bambini e anziani, specie i malati di cuore e con problemi respiratori, dall’esposizione eccessiva allo smog invernale. Un decalogo sarà preparato dall’assessorato all’Ambiente.

Mitia Chiarin

link articolo

 

Spinea, Pedibus e biciclette per diminuire l’inquinamento

SPINEA – Quanto incidono le scuole nel traffico cittadino? Ci sta lavorando il Comune, per ridurre gli spostamenti brevi in auto all’interno della città. Nei giorni scorsi l’assessore alla Viabilità Gianpier Chinellato, con il comandante della polizia locale Diego Trolese, ha incontrato i comitati di genitori degli istituti comprensivi Spinea 1 e 2, per intraprendere una collaborazione finalizzata a ridurre i problemi di viabilità e traffico nei pressi delle scuole, in particolare durante l’orario di entrata e uscita dei bambini.

L’invito del Comune è di aderire alla cosiddetta “mobilità dolce”: utilizzare Pedibus, bicicletta o accompagnare i figli a scuola a piedi, così da ridurre il caos fuori da scuola e anche l’inquinamento in città, almeno nei giorni di bel tempo, quando è più facile lasciare l’auto in garage e più alta è la concentrazione di inquinanti e polveri nell’aria. Allo studio anche misure organizzative tra genitori per un utilizzo mirato dei mezzi di trasporto. «Sono incontri utili che ci permettono di esaminare insieme la situazione di ogni plesso e confrontarci sulle proposte da attuare in concreto», ha spiegato Chinellato al termine della riunione.

(f.d.g.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui