Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – E mister Passante sceglie Veneto Strade.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

21

dic

2013

VERNIZZI – nuovo direttore generale

VENEZIA. Silvano Vernizzi è il nuovo direttore generale di Veneto Strade, il braccio operativo della Regione in fatto di viabilità. Lo ha nominato ieri mattina a Mestre il consiglio di amministrazione. All’unanimità, fanno notare non senza una punta di polemica i suoi collaboratori, notando come le polemiche che stanno accompagnando il suo doppio ruolo (di segretario regionale alle Infrastrutture e di amministratore delegato di Veneto Strade) non abbiano scalfito la credibilità del manager regionale presso i suoi azionisti. Del consiglio di amministrazione di Veneto strade, infatti, fanno parte tutte e sette le province del Veneto che sono espressione di diverse aree politiche.

La situazione di Vernizzi, padre del Passante di Mestre, era da tempo sul tappeto: da più parti si era fatto notare che l’ingegnere non poteva continuare ad essere segretario regionale alle Infrastrutture e contemporaneamente amministratore delegato di una partecipata.

Il doppio incarico, retribuito separatamente (144 mila euro lordi come amministratore delegato di Veneto Strade, 166 mila come segretario regionale alle Infrastrutture) era nato sotto la gestione Galan per la realizzazione del Passante di Mestre, opera che Vernizzi aveva portato a dama conquistandosi la fama di manager tenace e lineare. Terminato il Passante, Vernizzi si era occupato della Pedemontana Veneta in qualità di commissario, carica che detiene tuttora come del resto quella sul Passante. Adesso, con la nomina di Vernizzi a direttore generale di Veneto Strade (avrà un contratto di cinque anni, giusto il tempo di approdare alla pensione) la sua casella al segretariato regionale per le Infrastrutture potrà essere occupata da un altro nome.

(d.f.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui