Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO – Il Comitato Marcato attacca il sindaco: «Così rischiamo di trovarci senza nosocomio»

«Il sindaco di Dolo, per distrarre l’attenzione della perdita dell’ospedale, si concentra sul Distretto Sanitario che Gumirato gli ha promesso in cambio della vendita della parte vecchia dell’ospedale».

L’attacco arriva dal Comitato Bruno Marcato che poi rincara la dose. Partendo da ciò, il comitato dolese si chiede: «L’ospedale di Dolo vale un Distretto socio-sanitario?». Per poi rispondere… «Sembra di sì e sembra che per il sindaco di Dolo il “baratto” proposto dal direttore Gumirato vada bene. Sembra che il dottor Gumirato abbia promesso in cambia della vendita del vecchio ospedale lo spostamento del distretto a Dolo “scippandolo” a Mira e con il ricavato della vendita poi, sarà costruito un nuovo ospedale a Mirano per ospitare i reparti che saranno tolti da quello di Dolo e trasferiti a Mirano».

Ed aggiunge…«Con l’operazione immobiliare prevista e preparata con il consenso del sindaco, Dolo rischia di ritrovarsi senza l’ospedale, senza il patrimonio che i vari benefattori avevano lasciato per l’ospedale di Dolo e senza strutture socio-sanitarie sul territorio».

Decisa la replica del sindaco Maddalena Gottardo. «Con il distretto sanitario Gumirato non c’entra niente perchè a decidere sarà la Conferenza dei Sindaci. Inoltre le mie richieste alla 5. Commissione regionale in sintonia, con quanto concordato con la Commissione comunale per l’ospedale, erano ben note e riguardavano l’apicalità di chirurgia, ostetricia-ginecologia e pronto soccorso».

Il sindaco aggiunge poi che…«Il Comitato pensa solo all’ospedale mentre io guardo a tutti i cittadini della Riviera e soprattutto alle attività commerciali che sono in sofferenza. L’idea di portare il distretto nei locali del Tribunale serve anche a ridare impulso alle attività produttive del territorio».

E sulla vendita di Villa Massari assicura: «Non ci potrà essere perchè è sottoposta a vincolo».

Lino Perini

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui