Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

SAN DONÀ «Perché il Comune di San Donà non ha aderito al censimento sul consumo del suolo?». A chiederlo, in un’interrogazione, è il capogruppo del Movimento 5 Stelle, Guido Salvestroni. Il censimento rientra in una campagna promossa dal Forum nazionale «Salviamo il Paesaggio, Difendiamo i Territori», che raccoglie numerose associazioni di tutta Italia. La segreteria del Forum, già nel febbraio del 2012, ha inviato a tutti i Comuni italiani la richiesta di compilare la scheda del censimento. Da allora, però, solo pochi Comuni hanno risposto. Nel Veneziano risulta che solo San Michele al Tagliamento abbia risposto in modo completo, mentre Jesolo, Caorle e Stra hanno compilato il questionario con qualche carenza. «Il Comune di San Donà non ci risulta abbia risposto», spiega Salvestroni, «chiediamo i motivi per cui la richiesta di censimento non sia stata evasa. Chiediamo anche se i dati siano a disposizione dell’amministrazione e se sia possibile altrimenti recuperarli». Tra i dati sul consumo di suolo richiesti dal censimento, figura anche il numero degli appartamenti sfitti. Si parla di circa duemila alloggi vuoti in città, ma è una stima.

(g.mon.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui