Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Da Vetrego inviti a non protestare troppo con chi ha eliminato il tornello

VETREGO «Caro sindaco, se puoi, abbassa i toni». La richiesta arriva dal comitato rinascita Vetrego che con il segretario Giuseppe Vesco invita Maria Rosa Pavanello a non protestare troppo con Cav. Finalmente liberati dal tornello, in paese puntano ora a battersi per una diminuzione delle tariffe ai residenti, dopo il salasso d’inizio anno, ma senza rischiare di sciupare le conquiste sudate gli ultimi anni.

«Ringraziamo Pavanello per aver partecipato con noi alla manifestazione durata un’intera settimana per far eliminare il tornello che ha rovinato la vita ai vetreghesi per oltre 4 anni», spiega Vesco, «ringraziamo però anche il presidente di Cav Tiziano Bembo per aver avuto il coraggio di far cessare questo scandalo causato dall’errata scelta di coloro che avevano “liberalizzato” la tratta Vetrego-Mestre senza prima arretrare la barriera di Villabona a Roncoduro. Per questo invitiamo il sindaco a non protestare contro Cav, società a cui è stata data in mano una patata bollente. La invitiamo semmai ad approfittarne del fatto che il ministro Lupi ha annunciato lo sconto autostradale nazionale del 20%, che il governatore Zaia ha detto di voler aiutare i pendolari e che l’assessore Chisso ha detto di essere disponibile a un incontro con i sindaci».

Da Vetrego arriva anche una proposta: «Stiamo cercando un incontro con Cav per chiedere che a tutti i residenti dei comuni vicini ai caselli di Spinea e Mirano vengano concessi ulteriori sconti: «Con una tariffa di un solo euro, da Vetrego a Padova Est, secondo noi Cav otterrebbe un cospicuo introito dai molti residenti che ora hanno abbandonato l’autostrada. Siamo favorevoli anche all’introduzione di sistemi, come vignette o abbonamenti, per i residenti del territorio. Il sindaco stia con noi, l’obiettivo è comune».

(f.d.g.)

 

  1. 3 Comments

    • mario says:

      Ciao Giuseppe Vesco, presidente del noto comitato
      rinascita vetrego.
      TUTTI i Pendolari vi ringraziano, i Sindaci ed i Residenti di
      TUTTI i comuni della Riviera (INVASA dal nuovo traffico dei
      Pendolari squattrinati che fortunatamente hanno ancora
      un lavoro…) vi ringraziano, per aver fatto da spalla al presidente
      CAV spa agevolandolo a risolvere oltre al suo di problema
      (economico) anche il VOSTRO (il tornello).
      E’ palese la vostra “sudditanza” verso CAV spa leggendo
      questo articolo in cui ora, senza remore, chiedete al vostro
      Sindaco addirittura di “abbassare i toni”….
      Sarebbe ora invece che il vostro comitato abbracciasse
      VERAMENTE il pensiero di Maddia Donadel (presidente
      OPZ-0) e cioè di “smetterla di guardare le pagliuzze o solo il
      proprio interesse immediato (per quanto legittimo) e provare a
      muovere il culo insieme a tutti per cambiare le cose”.
      Cordialmente.
      :)

    • Giuseppe says:

      Caro Mario,
      quando tu, un giorno, sarai costretto a fare una coda (di almeno dieci minuti al giorno e per quattro anni) per andare a lavorare e prendere i mille Euro che ti dà questa diabolica Società, allora comprenderai il motivo per cui dovevo, PER PRIMA COSA, fare il possibile per eliminare una lunga sofferenza ad un intero Paese.
      Peccato che il giornalista NON abbia pubblicato l’intero articolo che gli avevo inviato, in cui era scritto che il nostro Comitato invitava la Sindaca a chiedere un incontro con Chisso e con Zaia per ottenere lo sconto per i Pendolari Padova-Venezia e il pedaggio di UN Euro ai Residenti che vanno a Padova, e che noi saremo andati con Lei in Regione.
      Avevo promesso di NON scrivere più su Opzione Zero per evitare di alimentare una “guerra fra poveri”, e cioè tra i Vetreghesi costretti a snervanti code per uscire dal proprio paese e i Pendolari che giustamente uscivano da Vetrego per risparmiare denari in questo tempo di Crisi. Ma, come vedi, i Politicanti sono riusciti a fare anche questo.
      Dovevamo forse ammalarci tutti di nervi in coda per altri dieci anni?
      Per ora hanno vinto i potenti Politicanti, ma spero che tu continuerai a leggere i Giornali, poiché noi di Vetrego non molliamo l’osso.
      Cordialmente.
      Giuseppe
      (segretario e non presidente)

    • mario says:

      Ciao Giuseppe, il comitato rinascita vetrego (insieme al vostro sindaco) non è stato per nulla lungimirante e gli articoli che stanno uscendo in questi giorni sulla stampa locale sono li a dimostrarlo: il traffico dei pendolari si è riversato sulla viabilità ordinaria e non serviva certo un laureato in fisica quantistica per prevederlo. In particolare, per chi proviene da PD e deve recarsi a Mestre, il percorso da Vigonza porta direttamente al Casello di Vetrego senza spendere nemmeno un euro, con un aggravio di soli 10 minuti.
      Chi invece si può permettere di spendere 1,60€ esce a Spinea (intasando la camionabile) e rientra ad Oriago.
      Dovevate lottare prima insieme a quelli che chiamavate i furbetti affinche i problemi venissero REALMENTE risolti, ma visto che ora le cose per voi si sono risolte è facilissimo prevedere come vi comporterete e con quale impegno abbracerete i problemi degli altri: avete dato “un limpido esempio di solidarietà” da trasmettere alle generazioni future dei residenti del vostro e dei comuni limitrofi… bravi, un ottimo lavoro.
      Cordialmente.
      :)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui