Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Sistemi territoriali accoglie le proposte dei Comuni

In due settimane una risposta alle richieste dei pendolari

PIOVE DI SACCO – Buone notizie per i pendolari della linea ferroviaria Adria-Venezia: il vicesindaco Lucia Pizzo è uscita dall’incontro di giovedì pomeriggio con i vertici di Sistemi Territoriali dopo aver strappato l’impegno di trovare entro poche settimane le soluzioni ai problemi che affliggono i passeggeri, in particolare da quando è entrato in vigore l’orario cadenzato. Pizzo ha definito l’incontro positivo e costruttivo e guarda già alla prossima riunione, prevista tra la fine di gennaio e l’inizio di febbraio.

«La premessa», anticipa il vicesindaco, «è che nella rimodulazione dell’orario è necessario tener conto di numerosi vincoli, da quelli legati alle possibilità di arrivo dei nostri treni nelle stazioni di Mestre e Venezia senza interferire con gli altri convogli, al limite determinato da una linea a binario unico e, non ultimo, i vincoli finanziari con cui deve fare i conti la società. Le modifiche non potranno essere molte», prosegue Pizzo, «ma il presidente di Sistemi Territoriali Gianmichele Gambato, il direttore generale Bruno Caleo e lo stesso responsabile incaricato dalla Regione per la programmazione dell’orario cadenzato, si sono impegnati a trovare una soluzione per aggiungere un treno nell’ora di punta del mattino, per rispondere alla soppressione di quello delle 7.03 che tanti disagi sta creando a lavoratori e studenti, e per rivedere le corse festive tenendo conto del taglio dei collegamenti tra Piove e Venezia con i bus Actv».

Sistemi Territoriali si è impegnata a effettuare nel giro di un paio di settimane tutte le verifiche tecniche ed economiche per formulare una soluzione concreta alle istanze dei pendolari.

«Un dato positivo», aggiunge Pizzo, «è che gli abbonati al treno sono aumentati del 10 per cento quest’anno, quindi non è una linea in sofferenza. Anzi, siamo tutti convinti che con i giusti accorgimenti possa essere utilizzata ancor di più. Ho ribadito la necessità di creare un sistema integrato efficiente fra mezzi pubblici».

All’incontro che si è tenuto nella sede piovese di Sistemi Territoriali ha partecipato anche il sindaco di Adria i cui concittadini sono ugualmente penalizzati dai problemi che interessano la linea ferroviaria

Elena Livieri

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui