Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Dolo. Asl 13, ambulatorio con barriera.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

14

gen

2014

 

A Dolo una scala impedisce l’accesso ai locali del servizio guardia medica

DOLO. «Il servizio di guardia medica dell’ospedale di Dolo è stato posto al primo piano dell’ex reparto di Medicina e per accedervi bisogna affrontare una scala esterna con tredici scalini. E se uno è il carrozzina?».

A segnalarlo è stato Giovanni Fattoretto, consigliere comunale dolese della Lega Nord, che critica la scelta dell’Asl 13. «Si tratta di una scala priva di riparo dalla pioggia e neve – prosegue – una barriera architettonica a 50 metri dal parcheggio più vicino. Quindi risulta inaccessibile per persone anziane o con disabilità». Fattoretto cita la normativa sull’abbattimento delle barriere architettoniche.

«Se per ambulatori medici o qualsiasi struttura pubblica vige l’obbligo di abbattimento delle barriere architettoniche – dice ironico – per l’ambulatorio della guardia medica dell’Asl di Dolo sembra esserci una deroga. Stiamo parlando di una struttura che fornisce servizi principalmente di notte quando tutto diventa più difficoltoso».

Il consigliere comunale dolese lancia una proposta. «Non era forse il caso di usare qualche altro locale? Come quelli della ex Geriatria già dotati di rampa di accesso, adiacente al parcheggio e alle stanze laterali del salone centrale di Villa Massari ora adibite a deposito e accessibili dalla viabilità interna all’ospedale?».

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui