Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Dolo. La Provincia approva il Pati

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

19

gen

2014

Adottato il piano di assetto del territorio intercomunale di Dolo e Fiesso

DOLO. La Provincia ha deliberato l’adozione del Pati, piano di assetto del territorio intercomunale di Dolo e Fiesso. Positivo è il commento del vicepresidente Mario Dalla Tor. «Il Pati prevede di valorizzare come elemento fondante l’asse del Naviglio del Brenta, lungo il quale si sono sviluppati i due centri e tutto l’ambito insediativo». A spiegare i progetti del Pati è Elisabetta Ballin, assessore all’urbanistica di Dolo. Tra questi è inserito anche Veneto City, che viene chiamato “parco urbano del terziario avanzato”.

«Tra le tematiche individuate c’è la valorizzazione del parco storico del Naviglio del Brenta, del parco urbano del terziario avanzato e del parco “Riviera verde”. Il piano prevede anche un’attenzione alla pubblica istruzione con l’individuazione di un “campus scolastico”, la previsione di nuovi impianti sportivi e servizi.

Critiche sull’adozione del Pati arrivano dal gruppo consiliare “Dolo, Cuore della “Riviera”. «Ma quale soddisfazione», scrivono in una nota, «la vicenda è purtroppo l’ennesimo schiaffo rivolto al consiglio comunale e ai dolesi. La giunta, guidata dal sindaco Gottardo, continua a decidere sopra la testa dei cittadini: dopo aver dato il via libera a Veneto City, con il Pati ha approvato nuove espansioni urbanistiche con un piano che consuma 24 mila metri quadrati di area agricola». Il gruppo di opposizione prosegue la sua critica. «Un piano che non considera la salvaguardia idrogeologica, il patrimonio abitativo disponibile e non utilizzato. Un piano che evita di prendere in esame la Romea Commerciale, il casello autostradale e il destino di villa Massari, ma che prevede di edificare a confine di Veneto City, attorno al polo sportivo e nelle campagne lungo la Riviera».

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui