Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

 

In sala San Leonardo assemblea pubblica organizzata da Municipalità e Ambiente Venezia

Attesa assemblea pubblica oggi, alle 16,45 in Sala San Leonardo, sulla questione delle grandi navi. Attesa non solo per l’ attualità della questione, il tema è «Canale Contorta Sant’Angelo, unica alternativa possibile?», ma anche per i nomi dei protagonisti. Ci saranno, infatti, il senatore del Pd Felice Casson, il sindaco Giorgio Orsoni e l’ingegner Luigi D’Alpaos, esperto di idrodinamica e morfodinamica lagunare. L’incontro è organizzato dalla Municipalità del centro storico, tanto che a coordinare gli interventi ci sarà lo stesso presidente Erminio Viero, e dall’Associazione Ambiente Venezia.

Ambiente Venezia, che presenterà un video, ritiene che bisogna contrastare e fermare il progetto e la realizzazione del canale Contorta Sant’Angelo e di altri canali lagunari perché sostiene che in questo modo la laguna si trasformerebbe sempre più in un’immensa discarica disseminata di finte barene (quelle vere sarebbero spazzate dalla corrente dei nuovi canali) e chilometri di muraglie di massi. Per l’associazione ambientalista le grandi navi dovrebbero fermarsi in un avanporto localizzato nella bocca di porto del Lido. Inoltre, Ambiente Venezia sostiene la necessità di formulare un nuovo e vero piano per il riequilibrio idrogeologico e morfologico della Laguna, un piano che dovrebbe essere redatto da esperti indipendenti e non legati al Consorzio Venezia Nuova, il gruppo di imprese che è finito tra l’altro al centro di una complessa indagine della Procura veneziana. un’indagine che ancora non è conclusa.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui