Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRA – La presidente ha promesso le risorse per completarle

Non sarà “parola di boyscout”, ma una promessa è pur sempre una promessa, anche in politica. Per questo i consiglieri provinciali Renato Martin e Guerrino Palmarini (Pd) sono fiduciosi. Dalla Provincia, infatti, dovrebbero arrivare i soldi per terminare la pista ciclopedonale di Oriago (zona Forte Poerio) e quella di Marano (dalla rotatoria di via Bacchin, verso il centro). Fondi extra, che arriveranno grazie al tesoretto guadagnato dalla Provincia con la vendita delle azioni Save.

Durante i lavori della commissione sui Lavori Pubblici, i due consiglieri sono infatti riusciti a strappare a Francesca Zaccariotto – che oltre ad essere il presidente della Provincia ha anche la delega alla Viabilità – la promessa di un finanziamento per completare la messa in sicurezza delle piste ciclopedonali lungo le strade provinciali che attraversano Mira. «Più volte – ricordano Martin e Palmarini – avevamo sollecitato la Provincia a procedere al completamento di queste opere che ora vedono finalmente e concretamente la loro esecuzione. Nello specifico parliamo del completamento della pista ciclopedonale lungo la S.P. 22 nel tratto compreso tra Via Risorgimento e Via G. di Vittorio, all’altezza di Forte Poerio, ad Oriago, e del completamento della pista ciclopedonale lungo la S.P. 30 a Marano, dalla rotatoria di Via Bacchin verso il centro della frazione». Martin e Palmarini sono quindi soddisfatti per l’attenzione prestata da Cà Corner, soprattutto dalla presidente Zaccariotto, per l’impegno assunto.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui