Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

TRENI, LE REAZIONI ALL’ANNUNCIATO AUMENTO DELLE TARIFFE

PADOVA – Dal primo gennaio, per andare da Padova e Venezia, non si devono più sborsare 3.55, ma 3.60 euro. In pratica spostarsi in treno in Veneto costa tra i 5 e 10 centesimi in più, mentre sono cresciuti anche i prezzi degli abbonamenti. In genere di un euro al mese. Nonostante i recenti aumenti, l’assessore alla Mobilità, Renato Chissso, nell’ultima riunione con Trenitalia e con gli esponenti politici, non ha avuto peli sulla lingua nell’anticipare che, già a partire dal prossimo primo giugno, sarebbe necessario un ulteriore aumento delle tariffe. In questo caso aumenterebbero solo i prezzi dei singoli biglietti, non quelli degli abbonamenti.

«No», sottolinea Roberto Nardo, della segreteria regionale di Adiconsum Cisl, «non ci stiamo. I prezzi attuali dei biglietti sono già alti. Non possiamo chiedere altri sacrifici agli utenti, che hanno gli stipendi e le pensioni bloccati da cinque anni. E poi perché i viaggiatori dovrebbero pagare di più quando la qualità del servizio non è ancora soddisfacente?».

Più possibilisti Ilario Simonaggio, segretario regionale della Filt–Cgil, e Davide Grisafi, presidente di AssoUtenti del Veneto. «Un leggero ritocco delle tariffe delle singole corse, ma non degli abbonamenti ci può anche stare» osserva Simonaggio», «ma i prezzi degli abbonamenti devono restare gli stessi. Gli eventuali, piccoli, aumenti, poi, dovranno entrare in vigore solo dopo che Regione e Trenitalia avranno effettuato i miglioramenti e gli aggiustamenti promessi, e non dopo. Ma, per mettere in atto un servizio di qualità, devono essere acquistati 80 nuovi treni. Ogni convoglio costa dieci milioni di euro. Quindi i ritocchi delle tariffe serviranno a poco se la Regione non mette sul piatto nuove e cospicue risorse».

Sintetico il commento di Grisafi. «L’orario cadenzato è un grande vantaggio. Non è vero che dal 15 dicembre tutto va male. Questo è solo sfascismo. Servono soltanto alcuni miglioramenti. Se serve un lieve ritocco per le tariffe, ma non per gli abbonamenti, ben venga. Non è questo il vero problema ai fini di un servizio più efficiente e qualificato» .

Il contratto con Trenitalia, ha ricordato l’atro giorno Costantino Toniolo (Pdl-Ncd), presidente della commissione Bilancio del Consiglio regionale, si attesta sui 156 milioni l’anno, Iva compresa. «La cifra ad oggi», spiega Toniolo, non è totalmente coperta: mancano una decina di milioni di euro che si dovranno trovare nelle pieghe di bilancio».

Felice Paduano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui