Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

QUARTO D’ALTINO – I sindaci della tratta Venezia-Portogruaro incontrano l’assessore regionale ai Trasporti, Renato Chisso. Lunedì è in programma un secondo faccia a faccia tra gli amministratori locali, in testa il sindaco altinate, Silvia Conte, per discutere delle problematiche dell’orario cadenzato. Si parlerà dei treni della sera, quelli che sono stati eliminati o sostituiti, delle corse festive, della fascia oraria più scoperta. La speranza dei sindaci è quella di avere risposte sulle partite più urgenti.

Nel frattempo i comitati dei pendolari stanno organizzando un volantinaggio e una manifestazione a Venezia, che si dovrebbero svolgere nella prima settimana di febbraio.

«Chiediamo da tempo un tavolo di confronto», spiegano i pendolari, «come avviene in tutte la regioni d’Italia o quasi, chiediamo che gli orari siano fatti tenendo conto delle reali necessità della popolazione, chiediamo da un pezzo e abbiamo intenzione di chiedere ancora una integrazione dei vari servizi pubblici». «Aspettiamo fiduciosi le risposte dell’assessore», si legge sulla pagina Facebook, «l’assessore si ricordi che non ci sta regalando nulla. Paghiamo un servizio e vogliamo che funzioni».

(m.a.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui