Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

L’OPINIONE

di Alfiero Farinea  – Assessore comunale allo Sviluppo economico e Sportello unico Porto Marghera

Lo sviluppo di Porto Marghera richiede unità di intenti e condivisione degli obiettivi. Con la Conferenza di servizi per il sito di interesse nazionale di Porto Marghera del 19 dicembre 2013, sono stati approvati gli ultimi progetti di bonifica e di risanamento ambientale ancora in giacenza, consentendo l’avvio di nuovi investimenti e nuove iniziative imprenditoriali nell’area di Porto Marghera. Questi provvedimenti, oltre a confermare l’efficacia dell’Accordo di programma del 16 aprile 2012 che ha semplificato l’iter procedurale dei progetti di bonifica, ha evidenziato l’importanza e l’utilità del coinvolgimento e della collaborazione fra tutti i soggetti coinvolti nel processo di riconversione economica dell’area. Unità di intenti e collaborazione tra enti e istituzioni restano fattori indispensabili per gestire la complessità dell’area e per affrontare con determinazione le questioni che continuano a condizionare lo sviluppo di Porto Marghera. Mi riferisco, in particolare, a due temi di sicura rilevanza per il futuro del polo industriale che dovranno essere affrontati nell’imminente futuro: l’immissione sul mercato di aree industriali dismesse e la definizione dell’assetto fisico e infrastrutturale di Porto Marghera. Sulla prima questione il Comune di Venezia e la Regione Veneto stanno promuovendo le azioni necessarie a perfezionare in tempi brevi l’acquisto in blocco, per il tramite di una Newco da essi interamente controllata, di aree di proprietà Syndial che consentirà di mettere a disposizione del rilancio di Porto Marghera aree industriali a prezzi competitivi. Ulteriori aree libere o liberabili sono offerte da altri soggetti presenti nell’area che auspicano l’insediamento di nuove attività industriali. Per queste ultime è necessario contrastare ogni intento speculativo definendo le destinazioni d’uso e le funzioni da sviluppare nei diversi ambiti. Relativamente alle questioni urbanistiche, sottolineo la straordinarietà della nuova stagione di pianificazione e programmazione, in fase di avvio, in cui Comune di Venezia e Autorità portuale di Venezia si accingono a definire i propri strumenti di governo del territorio. La condivisione di scenari di sviluppo di Porto Marghera che, considerando le caratteristiche e le specificità dell’area, ne confermino la vocazione industriale e portuale e l’elaborazione di una pianificazione urbanistica condivisa, andando anche oltre il mero adempimento degli obblighi previsti dall’articolo 5 della legge 28 gennaio 1994, numero 84, rappresentano passaggi fondamentali per creare le condizioni per attrarre nuovi investimenti. La necessità di un maggior coordinamento nel governo delle trasformazioni fisiche e funzionali che stanno interessando Porto Marghera è emersa anche dall’indagine conoscitiva sulle attività economiche presenti nell’area industriale promossa da Comune, Autorità portuale ed Ente della zona industriale. Porto Marghera è infatti caratterizzata dalla presenza di un ricco e stratificato insieme di iniziative, programmi, piani, progetti che, a scale e in tempi diversi, delineano scenari e prospettive alternativi per l’area industriale, tra i tanti, ricordo le iniziative promosse dall’Autorità portuale per favorire lo sviluppo portuale e logistico dell’area, i progetti legati alla “green economy” e alla ricerca di soluzioni energetiche alternative promossi da aziende ed enti storicamente presenti nella zona industriale, lo sviluppo del terziario avanzato e delle attività innovative confermate anche dalla recente approvazione del Piano di concordato di Vega Scarl con cui viene garantita la continuità delle attività svolte all’interno del Parco scientifico e tecnologico. Molte quindi sono le opportunità da cogliere e le azioni da intraprendere. Ma solo la collaborazione e la coesione di tutti i soggetti coinvolti potrà assicurare le condizioni indispensabili per lo sviluppo di Porto Marghera e l’avvio di processi produttivi moderni, innovativi e ambientalmente sostenibili.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui