Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Riviera. Patto anti-clandestini.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

27

gen

2014

Sindacati e imprenditori vogliono difendere il “Made in Riviera”

«Prefettura e Comuni verifichino i permessi di soggiorno nel territorio»

Sindacati ed imprenditori della Riviera pronti a difendere le produzioni “Made in Italy” e “Made in Riviera del Brenta” contro la concorrenza sleale ed i laboratori irregolari. Nella dell’Acrib a Stra si è tenuto un incontro tra organizzazioni sindacali, Acrib, Confindustria, Cgia e Cna di Padova e Venezia con all’ordine del giorno il contrasto ai “laboratori clandestini” che mettono in serio pericolo non solo la produzione di qualità della calzatura in Riviera, ma anche, e soprattutto, l’occupazione.

«Un incontro – commenta Massimo Meneghetti della Femca Cisl di Venezia – che ha fatto proprie le decisioni assunte il 17 gennaio in Regione con l’attivazione di un tavolo di confronto per definire le linee di contrasto al “lavoro Irregolare”. Ma a Stra siamo andati oltre, iniziando ad elaborare il “Patto contro il lavoro irregolare” da proporre a livello veneto».

Il primo impegno assunto dall’incontro di Stra è stato quello di coinvolgere Prefetture, Istituzioni locali e Forze dell’ordine per individuare i lavoratori clandestini, contrastando la loro attività irregolare. Imprenditori e sindacati si sono quindi impegnati a elaborare insieme il “Patto” da proporre alla Regione che «sia gestibile industrialmente».

Riprende Meneghetti: «La difesa e la promozione del “Made in Italy” e, di conseguenza, del “Made in Riviera” rappresenta una grande opportunità per il rilancio del sistema economico e produttivo. In Riviera del Brenta vengono prodotte le calzature dei brand famosi in tutto il mondo: Prada, Jill Sander, Gucci, Miu Miu, ma anche Armani e Lvmh, occupando complessivamente 10.860 dipendenti tra industria, artigianato e commercio, con appena un centinaio di aziende cinesi “riconosciute”. Il dato reale forse lo sanno solo i Comuni, magari confrontando i permessi di soggiorno e le residenze, ma la scoperta anche in Riviera di laboratori-alloggi cinesi clandestini al limite della vivibilità preoccupa non poco».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui