Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Mira. Terre rosse, stasera il progetto

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

28

gen

2014

ALLA BIBLIOTECA DI ORIAGO

La ditta incaricata illustrerà tempi e modalità per la bonifica

MIRA – Assemblea pubblica questa sera alle 20,30 all’auditorium della biblioteca di Oriago per la presentazione al pubblico del Progetto di recupero rifiuti relativo al deposito situato in via Bastiette a Malcontenta. Veneta Raw Material presenterà il piano di bonifica annunciando i tempi e i modi dello sgombero definitivo dei cumuli di ceneri di pirite.

«Entro il 6 marzo» spiega l’assessore all’Ambiente Maria Grazia Sanginiti «al Settore Ambiente della Provincia potranno essere presentate osservazioni sul progetto. I tempi e i modi per l’avvio del progetto dipenderanno da un rigoroso iter che disciplina i contenuti e le procedure di valutazione di impatto ambientale (Via). Se il progetto sarà idoneo ed approvato dagli enti competenti i lavori si protrarranno per un arco temporale pluriennale come da cronoprogramma di progetto».

La questione delle “terre rosse” si trascina da più di 30 anni. Un accordo di qualche anno fa definiva competenze e tempi per la messa in sicurezza, la bonifica e l’asporto del materiale (700 mila metri cubi) che, dopo un trattamento, potrà anche essere riutilizzato nell’industria. La bonifica sarà avviata in ottemperanza ad una sentenza del Tar dello scorso anno che ha integralmente rigettato tutte le domande della Veneta Mineraria che non aveva provveduto allo sgombero e al trattamento delle ceneri, accogliendo le tesi difensive dell’avvocatura provinciale. I rifiuti andranno trattati come rifiuti speciali, con le procedure e i modi che questi richiedono.

(a.ab.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui